Woolwich: mutuo a partire da uno spread di 0,40%

Di , scritto il 01 Febbraio 2008

Woolwich mutuo vantaggiosoWoolwich: il marchio leader nei mutui casa, entrata in Italia nel 1990 come società finanziaria, si è trasformata in Banca nel 1995.
Il marchio Woolwich è uno dei più conosciuti in Gran Bretagna e dal lontano 1847 – anno della sua fondazione – ha aiutato milioni di clienti a realizzare il loro sogno: comprare casa.
Nell’aprile del 2004, Banca Woolwich – già facente parte del Gruppo Barclays – è stata incorporata in Barclays Bank PLC, una delle principali banche del mondo che vanta 300 anni di storia, una presenza in oltre 60 paesi e più di 16 milioni di clienti.

In Italia Woolwich ha scelto di specializzarsi nell’offerta di soluzioni trasparenti, innovative e vantaggiose per risolvere tutte le esigenze immobiliari dei propri clienti: dall’acquisto alla costruzione, mutui per la ristrutturazione> della casa, fino alla sostituzione di un mutuo in essere. Quindi non solo prodotti innovativi e trasparenti, ma anche comodi e convenienti, per aiutare i clienti a trovare un punto di riferimento professionale per i mutui con un servizio che permette di dialogare costantemente con la banca stessa.

L’offerta Mutuo di Woolwich è sicuramente una delle più aggressive attualmente presenti sul mercato italiano (tanto agguerrita da competere con Mutuo Arancio) e vede la possibilità di ottenere finanziamenti con uno spread (è la percentuale di guadagno per la banca erogante) a partire dallo 0,40% (quando, ad andar bene, è solitamente dell’1%).
Dal sito di Woolwich Mutui è possibile calcolare il proprio mutuo e richiederlo gratis e senza impegno. Una valida alternativa per chi si appresta ad acquistare della prima casa.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009