Proposta di un’assicurazione contro i terremoti: quanto costerebbe?

Di , scritto il 01 Giugno 2012

Il 70% degli edifici del nostro paese sarebbe a rischio se colpito da sisma di forte intensità, in quanto costruito senza tenere conto delle normative antisismiche. Lo ha affermato in un’audizione alla Camera un esperto dell’ENEA.

E’ possibile sapere se la propria casa è sicura o meno? E’ più facile se si riesce a ritrovare il progetto in base a quale l’immobile è stato stato costruito e a sottoporlo a un esperto, che potrebbe comunque aver bisogno di procedere a prelievi di calcestruzzo e prove simili. Ma a distanza di decenni i documenti del progetto risultano spesso smarriti e a quel punto bisognerebbe fare effettuare analisi approfondite. Il costo di uno studio ex novo da parte di un ingegnere sarebbe comunque ingente e non indifferente anche quello del caso in cui esista un progetto da cui partire. Che poi non implica la sicurezza della casa per il futuro, ma solo una consapevolezza della sua maggiore o minore pericolosità.

Sarebbe molto meno costoso se i proprietari di immobili sottoscrivessero un’assicurazione obbligatoria contro i terremoti. Una parte del ricavato potrebbe finanziare la ricostruzione delle zone già colpite da sisma e un’altra andrebbe a prevenire ulteriori danni perché versata in un fondo ad hoc per la messa in sicurezza degli edifici a rischio.

Una nuova tassa, per dirla tutta, anche se mascherata da premio assicurativo, il cui ammontare è stimato in 100-200 euro l’anno per unità immobiliare, ma comunque differenziato perché dovrà essere direttamente proporzionale al rischio sismico della zona e ovviamente più alto per gli edifici non a norma. In fondo, invece di pagare accise sulla benzina o altre tasse di scopo, con questa “assicurazione” lo Stato potrebbero ottenere quei 4 o 5 miliardi di euro l’anno che fornirebbero aiuto ai terremotati e servirebbero per avviare opere di messa in sicurezza degli immobili a rischio, i cui costi nella maggior parte dei casi non sarebbero sostenibili dai singoli proprietari, mentre in questo modo verrebbero spalmati sull’intera comunità.

Mascherine in pronta consegna

2 commenti su “Proposta di un’assicurazione contro i terremoti: quanto costerebbe?”
  1. stefano ha detto:

    Magari! Se per 200 euro all’anno mi assicurano contro il terremoto una casa da 200.000 euro la faccio subito…E’ una scommessa 1 contro mille!

  2. angelo ha detto:

    bene, allora chiamiamola col suo nome: tassa
    viva il governo tecnico che e’ capace solo di imporre tasse
    un fondo ad hoc: bello, dove ci sguazzeranno tutti i politici per riempirsi il portafoglio alla faccia di tutti noi
    un’assicurazione stipulata con una compagnia ben specifica, anche se molto piu’ costosa sarebbe meglio……ma pero’ dove possono rubare i politici in questo caso ?


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009