Fine estate 2010: corsa ai titoli di Stato tedeschi

Di , scritto il 01 Settembre 2010

In questi ultimi giorni d’estate sono notevoli le turbolenze sui mercati finanziari sono notevoli. Come sempre avviene, il mercato obbligazionario fa da termometro per valutare l’avversione al rischio, ovvero le paure degli investitori. Questi ultimi cercano di minimizzare il rischio acquistando titoli di Stato pluriennali tedeschi (Bund) e franchi svizzeri.

I Bund sono sicuramente i titoli di Stato considerati più affidabili in assoluto, come dimostra il fatto che continua a salire il loro prezzo e a diminuire il loro rendimento.

In maniera inversamente proporzionale i titoli periferici, ovvero i bond dei paesi con un debito sovrano considerato più rischioso, a rischio default, sono sempre più remunerativi. E’ il caso dei titoli di Stato irlandesi, portoghesi e spagnoli. Per non parlare dei bond greci, in assoluto i più alti tra quelli dell’Eurozona. I BTP italiani sono un po’ a metà strada, reputati relativamente più sicuri rispetto agli altri titoli periferici.

Come abbiamo detto, anche il franco svizzero ha subita un’impennata di valore, toccando ieri i massimi dell’anno sul dollaro e sull’euro. Rispetto al Bund, investire nel franco svizzero pare ancora più sicuro, poiché la valuta elvetica beneficia di un indebitamento assai ridotto.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009