Inflazione, disinflazione, deflazione: qual è lo scenario migliore per gli investimenti?

Di , scritto il 02 Maggio 2013

Se il concetto di inflazione è abbastanza familiare a tutti noi, quello di disinflazione lo è molto meno, anche se è proprio il fenomeno che stiamo vivendo. Mentre l’inflazione è l’aumento del “costo della vita”, ovvero dei beni e servizi che si comprano e si vendono sul mercato, la disinflazione è un aumento dei prezzi che continua a esistere, ma tende a scendere nel tempo. In altri termini, la disinflazione è una diminuzione del tasso di inflazione, finché esso resta in territorio positivo. Quando il tasso di inflazione entra in una fase negativa, ovvero i prezzi scendono in modo generalizzato si parla di deflazione.

Vediamo gli effetti di ognuno dei tre fenomeni dal punti di vista economico e finanziario: l’inflazione è a livello “fisiologico”, ovvero accettabile per il nostro sistema economico, quando si aggira tra l’1 e il 2% l’anno. Più si va oltre questa soglia, più diventa difficile per gli investimenti riuscire a battere l’inflazione. Per questo, nelle fasi di salita eccessiva dell’inflazione, le banche centrali mettono in atto politiche restrittive, che frenino la corsa dei prezzi. La disinflazione è ritenuta una fase benefica per l’economia e la finanza, perché quando il costo della vita cala, gli investimenti riescono a superare il tasso di inflazione, con rendimenti generosi sia nelle obbligazioni che nei titoli azionari. In pratica, ci guadagnano tutti, sia i consumatori che gli investitori. Questo è vero fino a quando non si passa a una fase di deflazione: il fatto che un determinato bene o servizio veda calare il suo valore nel tempo significa che si produce una perdita di ricchezza e una stagnazione dell’economia. Negli anni recenti la deflazione ha regnato ad esempio in Giappone, diventando un fenomeno dannoso, specie per i mercati azionari.

Continuate a seguirci: la prossima settimana metteremo a confronto i vari tipi di prodotti finanziari in rapporto all’attuale fase di disinflazione (nel mese di marzo il costo della vita è risultato dell’1,6%).


5 commenti su “Inflazione, disinflazione, deflazione: qual è lo scenario migliore per gli investimenti?”
  1. […] aiutare la crescita di un’economia stagnante, un debito pubblico elevatissimo e arrestare la deflazione ormai cronicizzata: iniettare 1,4 trilioni di dollari sui mercati. Una scelta di rottura per il […]

  2. […] la forza dell’euro provoca una tendenza al ribasso dei prezzi: siamo in una fase di disinflazione, che potrebbe trasformarsi presto in deflazione, ovvero in una discesa dei prezzi in modo […]

  3. carmela ha detto:

    In questa fase di disinflazione, con tassi molto bassi, e’ coretto essere investiti in bonds a tasso fisso, con rendimenti superiori al tasso di inflazione e lasciare i bonds a tasso variabile?

  4. […] giorno fa, spiegando la differenza tra inflazione, disinflazione e deflazione, vi avevamo promesso di tornare sul discorso esaminando uno a uno i principali prodotti finanziari, […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009