Che cosa sono i derivati creditizi (o derivati sul rischio di credito)

Di , scritto il 03 Gennaio 2014

derivati creditiziI derivati sul rischio di credito (in inglese, credit derivatives) sono strumenti finanziari derivati il cui sottostante è costituito dal merito creditizio di un certo emittente (uno stato sovrano, un ente governativo, un’istituzione finanziaria, un’azienda) così come valutato da un’agenzia di rating.

Questi strumenti consentono all’emittente di gestire il rischio di credito (ovvero, la possibilità di un default del debitore, non più in grado di adempiere ai suoi pagamenti) abbinato a una determinata attività (un’obbligazione o un prestito) senza essere costretto a cederla. E anche di separare il rischio di credito di un’attività da altre tipologie di rischio (per esempio, il rischio di interesse, ovvero la possibilità che i tassi di interesse del mercato diventino svantaggiosi per il creditore).

I derivati creditizi vengono negoziati sul (mercato OTC) e hanno tagli minimi molto elevati, perciò non sono adatti agli investitori retail. Tra i derivati creditizi, i più diffusi sono soprattutto i  credit default swap, che i nostri lettori già conoscono. Ma esistono anche i total return swap e i credit linked note. Torneremo presto a parlarne, continuate a seguirci.


3 commenti su “Che cosa sono i derivati creditizi (o derivati sul rischio di credito)”
  1. […] dei derivati creditizi abbiamo già parlato dei credit default swap e dei total return […]

  2. […] semplice, quello di total return swap, anche noti con gli acronimi TRS o TRORS. Si tratta di derivati creditizi, ovvero di operazioni con cui un soggetto detto total return payer cede a un altro soggetto, detto […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009