Mutui casa: che cos’è il valore LTV?

Di , scritto il 04 Marzo 2014

valore LTV loan to valueNel mercato dei mutui un concetto fondamentale per la concessione del prestito è la valutazione del valore LTV, che viene esaminato in fase di istruttoria. L’acronimo, che sta per l’espressione inglese Loan to Value, indica il rapporto fra la somma richiesta come mutuo e il valore dell’immobile stesso (quest’ultimo è anche detto garanzia ipotecaria). Più è alto questo rapporto, maggiore sarà la cautela dell’istituto di credito.

Più alto è il valore dell’immobile, più l’istituto di credito si sente garantito e propenso alla concessione del mutuo – anche perché non dovrà spendere in assicurazione per la copertura di eventuali sofferenze. Anche il tasso di interesse applicato dalla banca è sempre proporzionale all’LTV: per somme richieste più basse vengono applicati tassi di interesse inferiori. Di solito, quando il richiedente vuole un prestito di valore intorno al 50% di quello dell’immobile (ovvero con LTV 50), il tasso di interesse applicato è favorevole. Se il prestito richiesto è pari all’80%, il tasso di interesse offerto dalla banca è di livello standard.

Più si supera la soglia dell’80%, meno favorevoli diventano i tassi – anche perché in questo caso la banca dovrà spendere per stipulare una polizza fideiussoria a garanzia delle quote eccedenti all’80%. Da quando è iniziata la crisi, la maggior parte delle banche non supera il limite dell’80% di LTV e anche questo valore 80 è considerato a rischio. In ogni caso, nella scelta di un mutuo è di fondamentale importanza verificare e confrontare quali sono i tassi applicati dalle singole banche a medesimi livelli di LTV.


1 commento su “Mutui casa: che cos’è il valore LTV?”

Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009