Fondi di titoli di stato e fondi a scadenza: due scelte per ridurre il rischio negli investimenti

Di , scritto il 07 Dicembre 2012

I fondi comuni di investimento sono un prodotto finanziario che sta tornando in auge dopo un periodo di disgrazia dovuto alla crisi. Piacciono specialmente i fondi obbligazionari e i fondi flessibili. Per il 2013, però, le società di gestione finanziaria hanno intenzione di lanciare con forza due tipi di fondi particolarmente alieni da rischi:

* i fondi di titoli di stato, che si avvantaggiano della ripresa nel settore dei bond governativi, estendendo i panieri anche a scadenze temporali più lunghe e a Stati più periferici. Rispetto al fai-da-te nell’acquisto di titoli di Stato in teoria l’affidarsi a un valido gestore dovrebbe permettere di ottenere prestazioni superiori alla media del mercato per mezzo della tempestiva compravendita dei titoli quando è opportuno farlo.
* i fondi a scadenza, caratterizzati da durata prefissata e spesso con un rendimento prestabilito, con eventuale cedola periodica. Per questi ultimi bisogna tenere presente che le spese di gestione vanno a incidere parecchio sui rendimenti – e del resto è anche giusto ripagare una gestione molto professionale che faccia dormire sonni tranquilli. Il flusso cedolare è un vantaggio non indifferente, ma è importante calcolare bene le commissioni di sottoscrizione iniziale (che talvolta sono negoziabili), le commissioni di gestione (che di solito sono fisse) e le commissioni aggiuntive nel caso di rimborso anticipato rispetto alla scadenza naturale.


1 commento su “Fondi di titoli di stato e fondi a scadenza: due scelte per ridurre il rischio negli investimenti”

Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009