Dichiarazione dei redditi 730/2014: le novità da ricordare

Di , scritto il 09 Aprile 2014

modello_730_2014Anche quest’anno, chi vuole ricevere un rimborso-lampo e chiudere la denuncia dei redditi senza troppi calcoli, deve cogliere la possibilità di utilizzare il modello più facile, ovvero il 730. Per l’anno 2014 (ovvero per la dichiarazione dei redditi relativi al 2013) le principali novità sono queste:

Quadro fabbricati: come è noto, nell’ambito dei redditi da fabbricati, l’IMU ha sostituito l’IRPEF e le relative imposte addizionali dovute sul reddito dei fabbricati non affittati, inclusi quelli dati in comodato gratuito. Ma questa esenzione non scatta per gli immobili a uso abitativo e le case sfitte situati nello stesso comune in cui si trova l’abitazione principale del contribuente. Queste abitazioni concorrono a formare il reddito IRPEF, anche se solo al 50% (l’anno scorso invece erano esentate).

* Aumenta la convenienza per l’applicazione dell’imposta cedolare secca, ovvero il regime alternativo che tassa i canoni derivanti dalle locazioni abitative con una percentuale fissa. Mentre l’anno scorso era il 19% quest’anno è del 15%. Per i contratti a canone libero l’aliquota resta al 21%.

* Per i fabbricati concessi in locazione, la deduzione forfettaria del canone di locazione è ridotta dal 15% al 5%.

Il modello 730 deve essere presentato entro le seguenti date: se mediante un sostituto d’imposta, la deadline è fissata al 30 aprile 2014. Chi lo consegna invece a un CAF o un commercialista ha tempo fino al 31 maggio 2014.

Il modello 730/2012, con tanto di istruzioni per la compilazione, è disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

La pagina da tenere d’occhio per il software Taxonline per la compilazione del modello 730-2014, che sarà disponibile a partire dall’11 aprile 2014.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009