Che cos’è il Codice Fiscale Europeo?

Di , scritto il 11 Gennaio 2013

Proposto lo scorso giugno dalla Commissione Europea per contrastare a livello europeo il fenomeno dell’evasione fiscale, il codice fiscale unico europeo potrebbe diventare una realtà nel 2014. Per la cronaca, in inglese si chiama Tax Identification Number (abbreviato in TIN). Non è ancora chiaro se affiancherà il codice fiscale nazionale già esistente oppure se lo sostituirà del tutto. La sua utilità è indubbia: identificherebbe a livello europeo i contribuenti in maniera assai più affidabile dei dati attualmente usati come nome e indirizzo, sempre troppo generici.

Le difficoltà nell’implementazione di un EU-TIN unico stanno nel fatto che i vari paesi ricavano l’attuale codice fiscale in maniera diversa, secondo una struttura e una sintassi specifica. Alcuni paesi hanno addirittura un tipo di codice fiscale diverso a seconda che si tratti di cittadini del paese o di residenti stranieri. In altri paesi ancora il codice fiscale non viene emesso automaticamente a tutti i contribuenti, ma solo quando se ne presenta la necessità. In altri termini, i database delle singole nazioni sono troppo disparati per essere riportati a un’unica banca dati paneuropea.

L’attuazione del codice unico sarà quindi un procedimento assai complesso che richiederà una consultazione dei vari stati e poi la presentazione della proposta legislativa in sede di Commissione Europea.

Mascherine in pronta consegna

2 commenti su “Che cos’è il Codice Fiscale Europeo?”
  1. giovanna ha detto:

    serve per identificare i conti bancari all`estero

  2. giovanna ha detto:

    vorrei sapere se il codice identificativo fiscale TIN per l`Italia esiste gia.

    o e Europeo e qual`È.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009