Avvia la tua impresa nel Regno Unito: basta una sterlina!

Di , scritto il 11 Novembre 2008

sterlinaFavole o realtà? L’affermazione nel titolo sembra così assurda che è difficile a credersi.

Invece tutto ciò è possibile grazie a una serie di regolamentazioni favorevoli agli imprenditori, soprattutto a livello europeo. Infatti questa possibilità di scelta esiste perché alcune recenti sentenze della Corte europea di giustizia, le cosiddette sentenze “Centros”, consentono agli imprenditori di scegliere liberamente il paese in cui costituire la loro società. Il paese di costituzione è perciò del tutto indipendente dal luogo in cui l’impresa è effettivamente localizzata.

E, nel Regno Unito, avviare una Ltd, corrispondente alla nostra Srl, costa solo una sterlina, a differenza dei 10mila euro di capitale minimo che sono necessari in Italia.

Uno studio avviato da ricercatori dell’Università Bocconi, della Oxford University e della Université Libre di Bruxelles ha rilevato che gli imprenditori hanno cominciato a usufruire della nuova legislazione. Lo studio indica che più è costoso il processo di costituzione in un determinato paese, più alta è la probabilità che gli imprenditori di quel paese scelgano di costituire la società nel Regno Unito, dove gli obblighi di capitale minimo e i costi amministrativi sono più contenuti che in altri paesi europei.

Se paesi “costosi” come la Germania, l’Italia e l’Olanda non riformeranno il loro diritto d’impresa per rendere più economica la costituzione di imprese a responsabilità limitata molti altri imprenditori sceglieranno di costituire imprese come Ltd.

Per ora, conviene approfittare del risparmio, e volare a Londra per entrare nel mondo del business!



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009