Come funziona TransferWise, applicazione per il trasferimento di denaro online

Di , scritto il 12 Novembre 2018

TransferWise è una delle più diffuse applicazioni che consentono di inviare denaro in qualsiasi parte del mondo senza passare per una banca come intermediaria.

In particolare, con TransferWise si può convertire il denaro in ben 28 valute diverse, non soltanto per inviare denaro alla famiglia e agli amici, ma anche per pagare le bollette all’estero e pagare prestiti. Si tratta di una soluzione ideale per chi conduce una vita dal ritmo frenetico e costantemente in viaggio tra due o più paesi. Il software, già scaricato da oltre un milione di utenti sullo store Google Play, non addebita commissioni particolarmente alto, quindi può essere un’alternativa davvero economica rispetto ad altri servizi.

Ma vediamo come funziona il conto TransferWise?
Per iniziare, occorre:

1. Creare un conto gratuito (fornendo i documenti di identità richiesti)

2. Selezionare una valuta.

3. Aggiungere denaro al tuo conto con le varie modalità possibili.

Quando il conto è aperto e attivo si possono svolgere le seguenti operazioni:

* Conversione di denaro tra le valute del proprio conto, al tasso di cambio reale e con una piccola commissione di conversione.
* Inviare denaro direttamente dalle valute del proprio conto per effettuare pagamenti e trasferire denaro ad amici e familiari.
* Effettuare acquisti con la tua TransferWise debit Mastercard.
* Ricevere denaro (anche in valute diverse dalla propria) sul conto mediante il proprio IBAN.

Quanto detto vale per un profilo TransferWise da usare soltanto a fini personali. Per inviare e ricevere pagamenti business occorre creare prima un profilo business e poi attivare un conto business.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009