L’e-commerce in Italia vale 27 miliardi di euro, un acquisto su tre è da mobile

Di , scritto il 13 Giugno 2018

e-commerceUno dei settori che risultano maggiormente in crescita è sicuramente quello dell’e-commerce, che anche in questo 2018 farà registrare un aumento minimo del 15% rispetto all’anno precedente. La crescente spinta all’acquisto sulla rete, determinata dalla facilità di accesso e dai prezzi decisamente migliori che si possono riscontrare, ha portato la maggior parte delle attività commerciali ad affidarsi a strategie di multicanalità che sfociano verso la possibilità di vendere i propri prodotti su internet.

Un settore che ha un margine di crescita notevole, considerando che 9 acquisti su 10 vengono ancora effettuati in Italia presso dei rivenditori fisici. Nonostante questo l’e-commerce continua la sua inesorabile crescita, grazie anche alla propensione degli italiani nell’effettuare acquisti online. Tali vengono effettuati per lo più da personal computer, ma una quota in costante crescita arriva dal mondo mobile, che quest’anno farà registrare un incremento, da solo, di 3,6 miliardi di euro rispetto al 2017.

Quello che emerge da questi dati è la conferma che gli italiani sono un popolo ben propenso allo shopping digitale, e i nuovi stili di acquisto sono sempre più rivolti alla multicanalità, mescolando negozi fisici, siti web e applicazioni. Per il cliente finale la maggiore propensione all’acquisto digitale arriva soprattutto grazie ai migliori prezzi che gli e-commerce sono in grado di garantire, alla rapidità di ricevimento della merce, e alla possibilità che la rete mette a disposizione per quello che riguarda la scelta e la recensione dei prodotti. Spesso scegliere un acquisto online non è una cosa semplice, senza l’aiuto di un commesso o la possibilità di toccare con mano l’oggetto, ma servizi quali https://recensionisulweb.com offrono all’acquirente digitale informazioni e recensioni utili, testando i prodotti e semplificando l’esperienza di acquisto, garantendo maggiore consapevolezza e sicurezza.

Secondo le stime raccolte da Netcomm e dagli Osservatori Digital Innovation della School of Management del Politecnico di Milano, nel 2018 i settori che avranno una maggiore crescita per quello che riguarda le vendite online sono i giocattoli (+48%), articoli per l’arredamento e l’interior design (+44%), alimentari e bevande (+34%), turismo e trasporti (+32%) e bellezza (+29%). Seguono con incrementi sempre a due cifre abbigliamento, informatica ed elettronica. In linea generale aumentano i guadagni di chi commercia prodotti, con un +25%, rispetto a coloro che invece mettono a disposizione servizi, i quali registreranno un +6%.

Allargando lo sguardo a livello mondiale, i dati previsionali indicano che in questo 2018 saranno quasi 2 miliardi le persone che compreranno almeno una volta da un sito web o da un’applicazione mobile. Quota che arriverà a 2,5 miliardi entro il 2022, mentre per quello che riguarda la stima dei valori degli acquisti, il 2018 farà segnare la cifra di 2.800 miliardi di dollari, mentre la prospettiva per i prossimi tre anni è che tale cifra possa arrivare a quota 4,9 miliardi. Ultima curiosità emersa dal rapporto sul commercio online è quella che riguarda le motivazioni che spingono gli utenti a preferire tali acquisti rispetto al negozio fisico. In prima battutra la comodità, l’ampio assortimento di prodotti e servizi e soprattutto per assicurarsi i prezzi più bassi. Caratteristiche che soddisfano il 98% degli acquirenti, ma il settore dovrà migliorare ancora molto per quello che riguarda le modalità e velocità di consegna, guardando con interesse a droni e robot.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009