I prezzi delle soft commodities (caffè, zucchero e cacao) raggiungono i massimi

Di , scritto il 15 Gennaio 2010

Sui mercati internazionali praticamente tutti gli ingredienti per una classica colazione (caffè, zucchero, cacao, succo d’arancia) hanno raggiunto quotazioni che non si vedevano da vent’anni a questa parte. Lo zucchero a Londra ha toccato i 723 dollari la tonnellata, il prezzo più alto dal 1989. A far volare il prezzo è l’India, il principale consumatore che sta rastrellando l’oro bianco sul mercato dopo una cattiva annata di produzione nazionale.

Lo sprint delle soft commodities attiva l’attenzione di fondi e investitori, sempre alla ricerca di guadagno. Il cacao ha toccato a New York la quotazione più alta degli ultimi trent’anni, oltre 3500 dollari a tonnellata, con un aumento di oltre il 28% rispetto all’anno scorso. Il succo d’arancia è addirittura aumentato dell’88%.

E se la speculazione rialza la testa, gli effetti non tarderanno  a farsi sentire per i consumatori.

Mascherine in pronta consegna


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009