Prestiti senza busta paga: la guida 2019

Di , scritto il 15 Gennaio 2019

prestiti senza busta paga

In un periodo di crisi economica, come quello che sta attraversando il nostro paese oggi, molte sono le persone che non hanno un lavoro fisso o un reddito fisso e che non dispongono, dunque, di una busta paga. Quindi, tutti coloro che si trovano ad affrontare questo imminente problema, non possono richiedere alcun tipo di prestito o finanziamento per affrontare, in alcuni casi, le spese quotidiane o tantomeno le spese per dei progetti e delle necessità importanti. Basti pensare che molti non possono permettersi di pagare una visita dentistica, ginecologica o sostenere la propria famiglia in modo adeguato.

A soccorso di tali soggetti arrivano i “prestiti senza garanzie”. A tal proposito il sito di informazione economica, Finanzamia.com, ha rilasciato una guida dedicata ai prestiti senza busta paga. Partendo da quella cercheremo di capire come funzionano e come è possibile ottenerne uno.

Essi altro non sono che delle concessioni di denaro da parte degli istituti di credito o da parte degli istituti finanziari senza richiesta di busta paga a garanzia del credito. A poter effettuare richiesta di tali prestiti ci sono alcune categorie di persone; giovani, casalinghe, disoccupati, protestati, pensionati e studenti che devono però fornire altro tipo di garanzia affinché possano ottenerlo. Nella maggior parte dei casi si tratta di garanzie ipotecarie o pignoratizie su beni immobili e mobili registrati oppure di garanzie personali come da fidejussione e il sistema di cambiali.

Bisogna inoltre ricordare che con il termine “prestiti senza garanzia” si indica un ventaglio molto vasto di servizi, che si differenziano da categoria a categoria e che hanno in comune dei requisiti per precisi da rispettare: essere residenti sul territorio italiano, non essere iscritti nelle liste dei cattivi pagatori, fornire documenti sulla propria situazione economico/lavorativa (ad es: disoccupato, lavoratore in cassa integrazione ecc..)

Dove si possono chiedere prestiti senza busta paga?

Vediamo insieme quali sono le principali possibilità presenti sul mercato italiano. Tra le opzioni più valide per i prestiti senza garanzia troviamo gli istituti finanziari Compass e Findomestic: entrambi propongono servizi senza particolari limiti di denaro da richiedere, sono molto affidabili e le pratiche possono essere anche spedite online senza scomodarsi a raggiungere le filiali. In linea di massima però si consiglia di rivolgersi sempre ad uno dei loro consulenti in modo da poter richiedere maggiori informazioni sul prestito, sui tassi di interesse, sulle garanzie richieste e sulla somma finale da dover restituire. A queste società possiamo accodare l’istituto di credito AGOS che offre un’ampia gamma di possibilità di prestiti non troppo alti e che funzionano esattamente come quelli sopra citati. Anche FIDITALIA e BNL offrono prestiti senza busta paga in quote limitate ma vi si può accedere facendo una denuncia dei redditi che rientri nei parametri richiesti.

Tra le banche che offrono lo stesso tipo di servizio ritroviamo Prestito Arancio e anche ING Direct; banche che permettono di richiedere il suddetto prestito anche con richiesta online.

Per la richiesta di un prestito senza garanzie, negli ultimi anni, è diventata un punto di riferimento la società Poste Italiane. In pratica essa assicura una serie di servizi che consentono l’accesso ad un credito anche senza retribuzione fissa e dimostrabile. La quota che si può richiedere, considerando le varie offerte, va dai mille euro ai settantamila, da restituire in un minimo di 12 rate fino ad un massimo di 120, a seconda della somma erogata.

Cosa succede se non si pagano le rate?

Beh, ci sono diverse possibilità: se si tratta di un prestito personale saranno le agenzie di recupero crediti ad intervenire e dunque ci saranno possibili pignoramenti e vendite all’asta dei propri beni, se si tratta di un prestito richiesto per il consumo di un bene tale bene verrà confiscato. In entrambe i casi si verrà iscritti nel registro internazionale dei cattivi pagatori e nessuno più vi farà credito.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009