Coworking, spazi (e idee) in comune per professionisti indipendenti

Di , scritto il 15 Giugno 2009

coworkingEcco a voi un bel modo di risparmiare… socializzando!
Il coworking nasce da un’idea di Brad Neuberg, un giovane programmatore informatico della California, che ha trovato la sintesi tra lavoro indipendente e scambio creativo, quello di solito si sviluppa tra colleghi d’ufficio. Di cosa si tratta? E’ semplice: il coworking mette insieme liberi professionisti che condividono uno spazio comune, abbassando i costi dell’affitto e creando così una sinergia creativa che permette di migliorare le prestazioni di tutti.

Alcuni spazi di coworking sono nati dall’iniziativa di liberi professionisti del Web e di Internet che erano soliti viaggiare molto e lavorare da bar e caffè, oppure in isolamento dalle loro case. Oggi i protagonisti del coworking lavorano in qualsiasi ambito: consulenti ed esperti informatici, architetti, commercialisti, designer, scrittori, produttori televisivi.

I costi dei coworking in Italia e nel mondo sono variabili e dipendono solitamente dalla città in cui si trovano le diverse strutture, ma sono comunque più bassi degli affitti di un ufficio tradizionale. Affittare una postazione da usare in orario d’ufficio a Milano può costare per una settimana 125€ oppure 200€ per un mese. Ne servono 250 per un mese a Bologna, fra i 300 e i 400 euro a San Francisco.

Ma non si tratta solo di mettere in comune una struttura immobiliare. Il coworking è in qualche maniera simile all’esperienza degli incubatori d’impresa, ma con più attenzione al concetto di comunità e di condivisione: dello spazio, di Internet e dei nuovi saperi.

Se volete saperne di più, ecco due siti web in italiano che raccontano esperienze e possibilità di coworking nel nostro paese: Coworkingproject e CoworkingMilano.


3 commenti su “Coworking, spazi (e idee) in comune per professionisti indipendenti”
  1. […] categoria pratiche vecchie come il modo come il baratto, il car sharing e il bike sharing, il co-working, il co-housing e il food sharing, gli orti condivisi, il co-parenting, igruppi di acquisto […]

  2. […] nella categoria pratiche vecchie come il modo come il baratto, il car sharing e il bike sharing, il co-working, il co-housing e il food sharing, gli orti condivisi, il co-parenting, i gruppi di acquisto […]

  3. max ha detto:

    molte grazie per la citazione e un cordiale saluto,

    massimo carraro/cowo


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009