Novembre 2016: quali sono i conti deposito più redditizi?

Di , scritto il 15 Novembre 2016

conti depositoSe i conti correnti rendono poco, in soccorso arrivano i conti deposito. Vincolando le somme per brevi periodi si riesce a guadagnare qualcosa. Vediamo le migliori offerte.

Partiamo col dire che rispetto al passato i tempi sono cambiati. Nessuno si deve aspettare quindi tassi d’interessi particolarmente generosi, a prescindere dal tipo di prodotto finanziario scelto. Quel che è certo è che i conti deposito sono generalmente più redditizi rispetto ai classici conti correnti. Da un confronto con SosTariffe.it si nota che spesso il tasso d’interesse può superare l’1%. Non si diventerà di certo ricchi “depositando” i propri risparmi ma almeno di eviterà che rimangano completamente infruttuosi.

Rimanendo su un vincolo di 24 mesi vediamo che la proposta di Facto raggiunge una percentuale di interesse dell’1,45% lordo. Ipotizzando di depositare 10mila euro alla fine del periodo si potrà quindi contare su 214,60 euro in più rispetto all’importo iniziale. Tra i vantaggi proposti dall’istituto bancario ci sono:

  • Zero spese extra
  • Zero imposta di bollo
  • Possibilità di estinzione anticipata
  • Nessun conto corrente associato

Nel dettaglio, l’imposta di bollo è a carico della banca. Si tratta infatti di una spesa obbligatoria che in questo caso però viene evitata al cliente. Anche l’estinzione anticipata merita un’attenzione particolare. Essa permette di svincolare le somme in qualsiasi momento, rendendo disponibili i soldi, ma è bene notare che in tal caso gli eventuali interessi vengono azzerati. Per aderire all’offerta commerciale di Facto non è necessario aprire alcun conto corrente.

Interessante è anche la proposta di Widiba. Il tasso lardo è in questo caso dell’1,60% lordo. Sembrerebbe di più rispetto alla proposta precedente, invece simulando un deposito di 10mila euro a fine dei 24 mesi avremmo a disposizione 199,60 euro. Perché? Semplicemente perché a differenza di Facto, Widiba lascia al cliente finale il pagamento dell’imposta di bollo del conto corrente associato (quindi su uno di paga l’imposta, mentre sul conto deposito no nel caso di giacenze medie superiori ai 5mila euro). Anche in questo caso è possibile estinguere anticipatamente il vincolo azzerando il tasso d’interesse.

E’ evidente che il tasso d’interesse non è quindi l’unico dato da tenere sotto controllo. Gli interessi in questo caso sono anticipati, quindi mese dopo mese si potrà già vedere il proprio conto crescere. In più Widiba propone una promozione molto interessante. Attivando il vincolo entro il periodo di promozione si avrà diritto a ricevere un buono da spendere sull’e-commerce Amazon. Il buono da 100 € è riconosciuto su importi superiori o pari a 2mila euro; 250 euro su importi pari o superiori a 20mila euro; 500 euro su importi pari o superiori a 50mila euro.

Ipotizzando quindi di versare come nel caso precedente 10mila euro oltre agli interessi visti (poco meno di 200 euro) vanno aggiunti 100 euro di buono spesa.

Quali sono i vantaggi dei conti deposito?
I vantaggi proposti dai conti deposito sono numerosi. In prima battuta i tassi d’interesse sono più elevati di altri prodotti, seppur non così elevati. Altro vantaggio è rappresentato dalla possibilità di partecipare a promozioni e quindi usufruire di buoni spesa o altri premi. II più si può contare anche sulla massima protezione. I conti deposito sono tutelati dal fondo interbancario entro la somma di 100 mila euro. I risparmi sono quindi totalmente al sicuro.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009