Inflazione, tassi al minimo in zona euro

Di , scritto il 16 Giugno 2009

eurolandiaNei paesi dell’Unione Europea che aderiscono al sistema euro le previsioni che vedevano un calo nell’inflazione rimangono confermate, dando così un segnale poco incoraggiante per la ripresa dell’economia in Eurolandia. In maggio l’indice dei prezzi al consumo ha raggiunto minimi storici fermandosi allo 0%, in calo rispetto allo 0,6 per cento registrato in aprile.

Nell’UE a 27 il tasso d’inflazione è calato allo 0,7% e tra gli stati membri, il dato più basso è stato registrato per Irlanda (-1,7%), Portogallo (-1,2%), Spagna e Lussemburgo (entrambi -0,9%). Gli stati in cui si è invece registrata l’inflazione annuale più alta sono Romania (5,9%), Lituania (4,9%) e Lettonia (4,4%). L’Italia si colloca al di sopra della media con uno 0,8% in maggio dopo un 1,2% per cento in aprile.

Come mai il livello dell’inflazione si è abbassato così tanto? A determinarne il calo, spiega Eurostat, è stata soprattutto la decrescita dei prezzi, nuovo segnale di calo di consumi per la crisi economica. Si è abbassato il prezzo dei trasporti (-4,8 per cento) e in particolare quelli dei carburanti per il settore (-1,02) e per i combustibili liquidi (-0,44). Giù anche i tassi per le comunicazioni (-1 per cento) e gli alloggi (-0,1 per cento). Al contrario, i prezzi più elevati sono stati quelli registrati per le bevande alcoliche e i tabacchi (+3,3 per cento); ma anche per gli hotel, i ristoranti così come per gli altri beni e servizi (+2,2 per cento).



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009