Bonus ristrutturazioni 2012: qualche precisazione sulle modalità

Di , scritto il 17 Febbraio 2012

Anche quest’anno potremo usufruire della detrazione IRPEF del 36% sulle spese per la ristrutturazione degli immobili. Lo sconto non è stato semplicemente prorogato, ma è diventato strutturale. E, salvo modifiche, varrà anche nei prossimi anni.

L’importo massimo su cui si può calcolare la detrazione è di 48.000 euro per ogni immobile. Le spese pagate nel 2012 possono essere ripartite in dieci quote annuali di pari importo, fatta eccezione per i proprietari di età non inferiore ai 75 e 80 anni, i quali possono suddividere la detrazione d’imposta rispettivamente su 5 e 3 rate annuali.

Per avere diritto alla detrazione, non occorre più che nella fattura rilasciata dall’impresa prestatrice d’opera sia indicato l’importo della manodopera impiegata. Inoltre, non è più necessario spedire con raccomandata l’apposita Comunicazione di Inizio Lavori al centro operativo di Pescara. Molti dati catastali o di altro genere che fino allo scorso anno venivano indicati nella suddetta comunicazione dovranno perciò essere elencati nel modello 730 o Unico.

Da non perdere la possibilità di applicare l’aliquota IVA agevolata del 10% sulle spese per la manutenzione ordinariao straordinaria, il restauro e il risanamento conservativo e le opere di ristrutturazione edilizia realizzate su fabbricati a prevalente destinazione abitativa.


1 commento su “Bonus ristrutturazioni 2012: qualche precisazione sulle modalità”
  1. […] (detrazione del 36%) 19 Aprile 2012 alle 08:58 scritto da nicoletta Si parla molto della detrazione IRPEF del 36% sui lavori di ristrutturazione, ma non tutti sanno che la stessa percentuale di sconto spetta anche sugli interventi per prevenire […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009