Nucleare e “pacchetto energia” nel Consiglio dei Ministri

Di , scritto il 17 Giugno 2008

TrinoQuella che vedete nella fotografia accanto è la centrale nucleare di Trino Vercellese, costruita nel 1964 e chiusa il giorno dopo il referendum che aveva detto “no” alle centrali nucleari in Italia.

La questione del nucleare si fa più viva che mai. Nel Consiglio dei Ministri di mercoledì, infatti, il Ministro per lo Sviluppo Economico Claudio Scajola ha promesso di affrontare il problema, e le centrali andranno a finire nel “pacchetto energia” di cui si discuterà e dal quale prenderanno vita una serie di provvedimenti e manovre, con tanto di eventuali incentivi per i cittadini e i territori che accettino la presenza di impianti di produzione.
I siti italiani che potrebbero ospitare centrali nucleari sono diversi e vanno da nord a sud… in linea generale, quando c’è qualcuno a essere d’accordo con l’insediamento di queste centrali, si tratta sempre dei sindaci mentre i cittadini, solitamente, sono sfavorevoli agli impianti vicini alle loro abitazioni. Staremo a vedere…


2 commenti su “Nucleare e “pacchetto energia” nel Consiglio dei Ministri”
  1. SARA FIORI ha detto:

    Concordo, meglio informarsi bene, quella è la centrale termoelettrica Galileo Ferraris!

  2. paolo guttardi ha detto:

    veramente la foto rappresenta la centrale a turbogas costruita a Trino negli anni 90 laddove doveva essere costruita la centrale nucleare da 2000 MW poi cancellata a seguito di Cernobil.
    Paolo Guttardi


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009