Trading online, un successo crescente. Come diventare trader?

Di , scritto il 17 Novembre 2009

Trading_OnlineSecondo le statistiche, sempre più italiani si dedicano al trading online. La Borsa fai-da-te ha ormai contagiato mezzo milione di nostri connazionali, che trascorrono varie ore al giorno a comprare e vendere su Internet azioni, beni, valute o altri strumenti finanziari.

Negli ultimi anni, chi approccia il mercato come trader online è molto più competente che in passato, anche perché oggi è più facile reperire informazioni e materiale per la formazione.

Che cosa spinge un investitore ad avvicinarsi al mondo del trading online? Alcuni sono studenti di economia che vogliono iniziare a introdursi nel mondo della finanza; per altri è semplicemente un hobby o una passione; i più seri lo considerano un’occupazione come un’altra: far lavorare il proprio denaro invece che lavorare direttamente con le proprie forze.

Per diventare abili trader bisogna conoscere i trucchi del mestiere e saper utilizzare in maniera consapevole le piattaforme di trading, e soprattutto essere sempre consci di che cosa e quanto si sta rischiando. La possibilità di perdita in questo tipo di investimento è infatti sempre molto alta.

Chi non hai mai ‘tradato’ e desidera iniziare a orientarsi in questo ambito, potrebbe studiarsi il manuale introduttivo di Guido Di Domenico, intitolato Grandi trades per piccoli traders, oppure Investire in Borsa di Giacomo Bruno o iscriversi a corsi specialistici come quello dell’Italian Trading School.

Per quanto riguarda in maniera specifica il forex, ossia lo scambio di valute estere, consigliamo di provare una dimostrazioni delle azioni eseguibili con la piattaforma ForexYard.

Mascherine in pronta consegna


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009