Per cambiare gestore di luce, gas e acqua bisogna comunicare i dati catastali

Di , scritto il 18 Gennaio 2010

Da anni in Italia si sta cercando di promuovere il libero mercato dell’energia, facilitando il passaggio da un gestore all’altro, per esempio da Enel o A2A a EdisonCasa ed MPE. In teoria è tutto facile: basta comunicare i propri dati alla nuova compagnia scelta, che si occuperà di sciogliere il vecchio contratto, saldare debiti e regolare i crediti in sospeso ecc. In realtà, non tutti sanno che nella procedura si nasconde un’insidia: se non si comunicano i dati catastali all’Agenzia delle Entrate anche se già noti, può scattare una sanzione. Questo perché l’Agenzia delle Entrate utilizza i nuovi contratti per scoprire chi possiede case non accatastate che sfuggono al Fisco. La sanzione da pagare per la comunicazione mancata o inesatta dei suddetti dati va da un minimo di 103 euro a un massimo di 2065 euro.

Certo, la difficoltà non è certo un incentivo al cambiamento di gestore. Ma, lasciando da parte le polemiche, poiché siamo per la liberalizzazione del mercato precisiamo quale documento bisogna allegare: la comunicazione dei dati catastali identificativi dell’immobile presso cui è attivata l’utenza elettrica o del gas. Il documento deve riportare queste informazioni: Codice comune catastale, sezione urbana, Foglio, Subalterno, Particella, Segue particella e Tipo particella.

La comunicazione deve essere inoltrata prima che il contratto sia perfezionato. In altri termini, se vi arriva la prima bolletta del nuovo gestore, siete già in contravvenzione.

Mascherine in pronta consegna

1 commento su “Per cambiare gestore di luce, gas e acqua bisogna comunicare i dati catastali”
  1. Giallu ha detto:

    Oppure puoi usare http://www.energiachiara.it !!!!!!!!!!!!!!!!!!!


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009