Brunello Cucinelli entra in Borsa: collocamento subito esaurito

Di , scritto il 18 Aprile 2012

Un nuovo titolo dovrebbe entrare nel listino di Piazza Affari il prossimo 3 maggio. La matricola è l’azienda Brunello Cucinelli, una delle più prestigiose nel made-in-Italy, precisamente nel settore del cachemire.

L’offerta globale riguarda 20,4 milioni di euro in azioni ordinarie, pari al 30% del capitale sociale con un 2% in più venduto a una cifra bloccata a un socio cinese, Chen Long, con il quale è stata costituita una joint-venture per la distribuzione dei prodotti in Cina. Partner dell’operazione sono Merryl Linch e Mediobanca.

Ieri Cucinelli ha iniziato il suo roadshow nel Museo diocesano di Milano che proseguirà per le piazze borsistiche più importanti del mondo per la quotazione dell’azienda nata a Solomeo, in Umbria, 33 anni fa. In serata è arrivata la notizia che l’offerta è già stata interamente coperta.

La presentazione ha sottolineato il desiderio di voler proteggere la qualità del made-in-Italy con un profondo rispetto per il lavoro artigianale dei dipendenti e un aumento della loro retribuzione in futuro.

Con la quotazione in Borsa l’impresa potrà ospitare manager da tutto il mondo, inclusi investitori portatori di una critica costruttiva per l’impresa. Per quanto riguarda il valore dell’azienda, le banche pagano di una cifra che oscilla tra i 460 e i 500 milioni di euro.


1 commento su “Brunello Cucinelli entra in Borsa: collocamento subito esaurito”
  1. […] che non ne ha avuto bisogno. Sono passati poco più di cinque mesi dall’annuncio dell’entrata in Borsa di Brunello Cucinelli, azienda leader nel settore del cachemire con sede nel piccolo borgo medievale di Solomeo, in […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009