Finanza e il web. Tutto verso il 2.0 speriamo etico

Di , scritto il 18 Maggio 2008

pianta_soldi.jpgUltimamente mi è capitato di partecipare a un convegno sulla finanza etica.

Di solito in queste occasioni si riflette sull’argomento e si cerca di inquadrarlo in modo più ampio. Cosa è la “finanza etica” e soprattutto per me, l'”etica nella finanza“.

Di fatto, nel ragionamento, ho associato il concetto di web 2.0 a quello di Finanza 2.0. Sapevo, tuttavia, che nella mia relazione mi sarei perso gran parte degli intervenuti.

Però, tuttavia, il paragone è affascinante. Il web 2.0 è un sistema democratico, aperto a tutti dove tutti sono utenti e contenuto. Microcontenuti che “fanno” una massa attrattiva per altri utenti. Tutti scrivono le proprie opinioni, tutti partecipano e si confrontano.

La finanza. La finanza 2.0. La finanza che lascia i bond Parmalat o i derivati, i subprime e le mega cartolarizzazioni e va verso un modello differente: il microcredito e la microfinanza.

Nel nuovo modello, tutto cambia. Il micro crea valore. Il mega lo distrugge. Gli intermediari riducono la loro importanza. I “soldi” hanno senso se vicino c’è un servizio a elevato valore aggiunto. Il centro non è più l’operazione finanziaria ma il valore sociale della stessa.

Al ritorno da Euromed, ho dato un’indicazione molto forte a tutti i miei colleghi e collaboratori. Da oggi, si pensa prima di tutto alla ricaduta etica e dopo alla redditività delle operazioni. Mi piace, molto, pensare che dopo le banche etiche, le certificazioni etiche etc., ci sia una società di consulenza finanziaria etica.

Credo sia giusto, sia il futuro e che occorra una sensibilizzazione diffusa.

Partiamo da qui!


1 commento su “Finanza e il web. Tutto verso il 2.0 speriamo etico”
  1. Cesare Nistri ha detto:

    L’idea della consulenza finanziaria etica è di per sè affascinante e d è per questo che faccio il consulente finanziario indipendente (non pagato dalla banche ma dal cliente).

    Siamo tuttavia sicuri che i risparmiatori siano davvero disposti a pagare la fattura ad un bravo consulente?

    Parlo così perchè forse non credo nella validità della consulenza gratuita (QUELLA MICRO?). In finanza chi sa qualcosa si tiene stretto il proprio tesoro di conoscenza, altrimenti il mercato dienta efficiente e di soldini non se ne fanno più.

    Scusa il brutale realismo! 🙂


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009