Marcegaglia (Confindustria): “Lo Stato è un pessimo pagatore”

Di , scritto il 18 Ottobre 2008

denaroSe le banche sono sempre più restie a prestare denaro, le aziende dove possono prendere i quattrini per investirli nelle lora attività? È un guaio, che attanaglia qualsiasi impresa. Il dramma riguarda soprattutto la piccola industria: disponendo di scarse garanzie, ha meno probabilità di vedersi riconoscere un finanziamento. Ecco allora due richieste di Confindustria. La prima alle banche: fate girare il denaro, prestatelo, se no qui l’economia ristagna. La seconda allo Stato: sei lentissimo nel dare alle aziende i soldi che spettano a queste; velocizzati.

È soprattutto sulla rapidità con cui lo Stato rende il denaro alle imprese che si gioca la partita. Sentite il numero uno di Confindustria, Emma Marcegaglia: “I crediti vantati dalle imprese verso la Pubblica amministrazione ammontano a 60-70 miliardi di euro. Lo Stato è un pessimo pagatore: ci sono casi limite in cui le aziende italiane, per riscuotere quanto dovuto, impiegano più di 300 giorni”.

Aggiungo io, personalmente: provateci voi a pagare in ritardo lo Stato, e subirete simpatiche conseguenze (interessi, mora, cartelle esattoriali, ingiunzioni…).

 



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009