Carta Verde di American Express: vantaggi e limiti

Di , scritto il 19 Marzo 2013

Il verde è uno dei tanti colori in cui si declinano le carte di credito American Express. Abbiamo studiato un po’ la scheda informativa sulla Carta Verde American Express per scoprirne punti forti ed eventuali lati deboli, che riassumeremo in maniera schematica:

PRO della carta:
* nessun limite di spesa prefissato;
* customer service sempre attivo, anche sul web;
* prezzi scontati per l’acquisto presso partner di American Express per lo shopping, il relax e l’intrattenimento (ad esempio, i biglietti per i concerti di Live Nation)
* servizi di alert via SMS o posta elettronica e disponibilità di un’applicazione per smartphone per l’aggiornamento costante sulle spese pagate con la carta, sui punti accumulati e sul saldo disponibile;
* possibilità di prelievo Bancomat (non regolarmente, ma in caso di emergenza) con il servizio Express CashSM;
* assicurazioni viaggio e sull’acquisto di beni incluse nella quota;
* protezione in caso di phishing, furto, smarrimento o danneggiamento della carta, con predisposizione a costo zero di una carta sostitutiva;
* adesione automatica al programma di fidelizzazione Membership Rewards che accumula 1 punto per ciascun euro speso con la carta; i punti accumulati danno diritto a premi gratuiti come viaggi, oggetti hi-tech, esperienze per il tempo libero.

CONTRO:
* per richiedere la Carta Verde Amex bisogna disporre di un reddito annuale minimo di 13.000 euro (cifra lorda) e darne prova;
* il canone annuo di 75 euro è azzerato solo per il primo anno;
* piuttosto alta la commissione sui prelievi Bancomat (pari al 3,5% della cifra prelevata), che comunque dovrebbero essere un’eccezione.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009