Arriva il telefonometro: le utenze telefoniche a disposizione dell’Anagrafe tributaria

Di , scritto il 19 Aprile 2012

La realtà supera la fantasia. Con questo comunicato stampa l’Agenzia delle Entrate comunica oggi, 19 aprile 2012 che il credito della telefonia mobile, fissa e satellitare di imprese e cittadini acquistato nel corso dell’anno sarà registrato nel cervellone dell’Anagrafe tributaria. Entro il 1 ottobre gli operatori telefonici sono tenuti a comunicare i dati relativi a contratti con privati e clienti business stipulati nel 2011.

I dati serviranno per ricostruire il quadro del tenore di vita dei contribuenti e scovare coloro che dichiarano entrate di gran lunga minori alle spese. I dati del telefonometro saranno abbinati a quelli dello spesometro (ovvero dell’insieme di dati comunicati dai commercianti al fisco su chi ha effettuato acquisti superiori ai 3600 euro negli ultimi sei mesi del 2011) e alle informazioni sui conti correnti bancari per mettere insieme un elenco di presunti evasori.

A questo punto restano da definire i limiti di conservazione dei dati sensibili presso l’Anagrafe tributaria, riguardo ai quali l’autorità garante della privacy raccomanda misure di sicurezza di natura tecnica e organizzativa particolarmente rigorose, sia per la trasmissione dei dati che per la loro conservazione.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009