Diventare prestatore e investire con Prestiamoci: un esempio di finanza etica

Di , scritto il 20 Gennaio 2011

A quanto ci risulta, l’idea è del tutto nuova e ci pare che abbia una sua ragione di essere. Si chiama Prestiamoci, ed è una comunità di prestiti tra persone. Nasce in Italia e si rivolge al mercato italiano, permettendo a chi aderisce come membro di investire denaro (in qualità di Prestatore) oppure di ottenere prestiti a un tasso vantaggioso (in qualità di Richiedente) per realizzare dei progetti interessanti o spese intelligenti, sia nel settore privato che aziendale.

Il tasso d’equilibrio verso il quale convergono gli interessi di Prestatori e Richiedenti è attualmente il 6,5% annuo. L’investimento genera interessi praticamente subito, già a partire dal primo mese. La piattaforma online permette a ogni cliente di monitorare costantemente la sua situazione.

In questa prospettiva, la banca svolge esclusivamente il ruolo di “cassaforte”: infatti, è proprio la riduzione dei costi legati all’intermediazione che consente di offrire condizioni così vantaggiose agli aderenti.

Il servizio dà la possibilità di disporre di informazioni importanti sui membri che formano la community di Prestiamoci, mediante sofisticati e affidabili sistemi di informazione creditizia. Oltre a ciò, tra Prestatori e Richiedenti viene a crearsi un rapporto di conoscenza, mediante gli incontri all’interno della community: i Prestatori potranno informarsi bene sui progetti in cui decidono di investire denaro, mentre i Richiedenti potranno ricevere consigli e supporto. Un interscambio da cui tutti traggono soddisfazione.

Come garanzia nei confronti dei Prestatori, anche la società Prestiamoci prende parte a ogni investimento con una sua quota, condividendo così il credito di rischio.

Se siete interessati a diventare prestatori di denaro, effettuando un investimento consapevole, un concreto esempio di finanza etica e sostenibile, di cui andrete sicuramente orgogliosi potete aderire alla community compilando il modulo che trovate cliccando sulla foto.


1 commento su “Diventare prestatore e investire con Prestiamoci: un esempio di finanza etica”
  1. andrea ha detto:

    sono persona segnalata e pignorata in busta paga cè qualcuno in questo merdoso paese chè può prestare dei soldi a un padre in difficoltà ma che può restituire i soldi perchè lavoro e posso essere aiutato da parenti ha pagare ho con cambiali ho su rid bancario ,perchè tutti prestano tutti ti contattano e poi via spariscono se cè una persona di cuore e sensibile ai problemi seri di una onesta persona mi contatti e le spiegherò la mia storia e quanto mi serve ma fate presto saluti andrea


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009