Come risolvere la difformità tra stato di fatto e licenza edilizia del comune

Di , scritto il 20 Settembre 2012

Una nostra lettrice ci scrive:

Un anno fa ho acquistato un appartamento in un condominio costruito nel 1956 con regolare atto notarile. L’appartamento confinante con il mio è in vendita. Tra la documentazione urbanistica e lo stato di fatto esiste una difformità: l’appartamento confinante con il mio ha una stanza in più di circa 20 mq. che in comune risulta di mia appartenenza. Il venditore mi chiede di firmare una dichiarazione di rinuncia al locale abusivo in suo favore. Che cosa devo fare? (S.P.)

Il nostro esperto risponde:

Occorre una visura catastale per verificare l’effettiva consistenza dell’appartamento della signora S.P. e verificare i progetti del 1956 depositati presso il Comune. Fatte le opportune verifiche, bisognerà confrontare la documentazione acquisita e quella allegata al rogito notarile. Se dovessero risultare delle incongruenze occorre richiamare il venditore e il notaio rogante per gli opportuni interventi (se possibile) o per una richiesta di risarcimento danni.


2 commenti su “Come risolvere la difformità tra stato di fatto e licenza edilizia del comune”
  1. Giovanni ha detto:

    Silvana, se fossi in te, prima di firmare qualcosa, mi rivolgerei a un avvocato che possa prendere le mie difese e mi consigli come muovermi. la difformità tra stato di fatto e carte non l’hai creata tu, tu a quanto leggo, risulti essere la parte lesa per cui potresti anche richiedere eventuali danni.

  2. silvana principi ha detto:

    La ringrazio tanto del suo consiglio. Ho già verificato che esiste la difformità tra progetto presentato in Comune e la mappa catastale sulla base della quale il
    notaio ha eseguito il rogito e nel quale infatti,non è riportato il controllo delle carte e disegni depositati in Comune nell’anno di costruzione.Sono stata contattata dall’ingegnere incaricato dal proprietario confinante che mi invita a firmare una qualche cosa assicurardomi che non subirò nessuna spesa. Sono dubbiosa e temo che l’ufficio addetto del Comune stesso mi faccia una verifica e una dolorosa sanzione per ciò che non dubitavo sussistesse. In qualemaniera posso mettermi al riparo e coinvolgere i due responsabili ? ringraziandola ancora attendo notizie. Silvana.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009