Home » Tre banche nel mirino, se avete il conto qui fate molta attenzione

Tre banche nel mirino, se avete il conto qui fate molta attenzione

Ci sono sempre nuove truffe a cui fare attenzione: a lanciare l’allarme è l’associazione dei consumatori Codici che mette in guardia a proposito di un sms che sembra arrivare dalla propria banca.

Bisogna prestare molta attenzione agli sms con link che sembrano apparentemente inviati dalle banche: ci si può trovare di fronte ad una vera e propria truffa.

truffa bancaria via sms
truffa bancaria via sms su solofinanza.it

Negli ultimi tempi più di una persona sta ricevendo via SMS un messaggio che arriva da parte di sedicenti banche: il messaggio informa i presunti clienti a proposito dell’attivazione del proprio account da nuovo dispositivo in una città svizzera. Successivamente la comunicazione invita i destinatari a cliccare sul link contenuto nel messaggio qualora risultassero estranei all’accesso eseguito. In sintesi il messaggio avverte di un tentativo di accesso sconosciuto al proprio profilo bancario e chiede di verificare la propria identità attraverso uno strano link.

Si tratta di una truffa catalogabile come “smishing” e per questa situazione sono giunte diverse segnalazioni all’associazione Codici, che invita quindi i consumatori a prestare la massima attenzione per non restare vittime di una vicenda piuttosto spiacevole. Quali sono le conseguenze? Il furto dei propri dati personali e di accesso al proprio conto bancario con successiva sottrazione di denaro. I modi per effettuare questa operazione di truffa sono numerosi e sempre diversi: bisogna sempre aggiornarsi sui tentativi truffaldini che circolano in ogni momento.

Furto dei dati bancari via sms: ecco cosa fare per non farsi truffare

truffa accesso bancario
truffa accesso bancario su solofinanza.it

Ad avvertire i consumatori è Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici: “In questi casi non bisogna mai cliccare sul link indicato perché il collegamento contenuto negli SMS così come nelle e-mail in realtà serve ai truffatori per entrare in possesso dei dati dei clienti così da poter effettuare prelievi a loro insaputa ed a loro spese. Le segnalazioni che stiamo raccogliendo riferiscono di SMS che arrivano direttamente dal contatto in rubrica della banca, quindi sembra affidabile per chi lo riceve. Non è così.”

Le banche nel mirino dei truffatori sono soprattutto Intesa San Paolo, Unicredit e Bnl

Giacomelli sottolinea quanto si siano moltiplicati i tentativi di truffa e spiega come comportarsi di fronte ad una situazione del genere: “I ladri sono sempre più abili e riescono ad utilizzare anche i canali ufficiali per raggirare i consumatori. Non bisogna cliccare i link contenuti in messaggi simili e non bisogna nemmeno fornire le proprie credenziali, anche ad eventuali operatori telefonici che chiamano oppure scrivono tramite il numero che abbiamo salvato in rubrica. In questi casi, è importante non farsi prendere dal panico, mantenere la calma e contattare la propria banca per avere chiarimenti sul messaggio ricevuto e su cosa fare”.