Come funziona il trading online con CFD

Di , scritto il 21 Gennaio 2011

CFD è un acronimo che indica i Contratti per Differenza, ovvero degli strumenti finanziari il cui prezzo deriva dal valore di altre tipi di strumenti d’investimento.  Il trading online con CFD è uno dei metodi più semplici e immediati per avere accesso ai mercati finanziari e trarne vantaggio mediante le proprie previsioni relative al possibile andamento dei vari strumenti finanziari (azioni, indici, forex, commodities ecc).

I CFD sono infatti uno strumento a marginazione e si fondano sullo sfruttamento dell’effetto leva, permettendo così al trader di poter operare con volumi nettamente maggiori rispetto all’investimento iniziale richiesto. Ciò vale però sia per i guadagni che per le perdite  – e pertanto il livello di rischio implicato è piuttosto alto. A tal fine esistono anche degli strumenti per la gestione del rischio che tutelano l’investitore, come per esempio gli ordini di stop loss o trailing stop.

Proviamo ad analizzare un esempio concreto di come la situazione economico-finanziaria può essere sfruttata grazie al CFD trading.

La settimana conclusasi con venerdì 15 gennaio ha visto ben quattro rialzi consecutivi tra le Borse europee e ciò ha determinato un avvio molto stabile il lunedì successivo (che vede l’assenza di Wall Street in occasione della festività del Martin Luther King day), anche grazie alle positive attese nei confronti delle principali banche statunitensi dopo i buoni risultati diffusi da JP Morgan. Nonostante queste premesse, l’andamento dei mercati sembra essere piuttosto prudente e ciò è dovuto alle notizie provenienti dalla Cina relative alle misure di protezione verso l’inflazione in aumento, secondo cui la Banca centrale cinese ha imposto un aumento delle riserve degli istituti di credito (con conseguente rialzo dei tassi). Inoltre è prevista nel corso della settimana la pubblicazione dei dati cinese sull’inflazione per dicembre e l’intero 2010.

Quest’ultima notizia proveniente dall’oriente ha trascinato la Borsa di Hong Kong a chiudere in ribasso e quella di Tokyo a rimanere piatta conseguentemente alla prudenza degli investitori. Ecco come i CFD possono entrare in scena: l’investitore può valutare la possibilità che gli indici delle suddette Borse vadano nei prossimi giorni a un ulteriore ribasso, oppure che invertano la rotta per un andamento in crescita e aprire una posizione CFD di conseguenza.

Nel linguaggio tecnico si dice “andare long o short”, a seconda che si apra una posizione rispettivamente di “acquisto” o “vendita”. Nel caso in cui l’investitore ritenga che l’indice Hong Kong HS42 andrà rialzandosi nei prossimi giorni, aprirà una posizione long. E se tale pronostico si rivelerà esatto, guadagnerà la differenza di valore intercorsa nell’intervallo di tempo tra apertura e chiusura della posizione moltiplicata per il numero di contratti aperti.

La stessa dinamica può essere applicata a diversi mercati (azioni, forex, opzioni, materie prime) ma il meccanismo rimane lo stesso: l’investitore non possiede mai fisicamente lo strumento sottostante ma opera sulla sua variazione di valore. In Italia una delle principali società che offre servizio di trading online con CFD è IG Markets, che si presenta in maniera molto trasparente con queste parole: il nostro servizio di trading comporta un elevato livello di rischio e può determinare perdite che eccedono il vostro investimento iniziale; accertatevi di aver pienamente compreso i rischi a cui potreste incorrere.

Alice


2 commenti su “Come funziona il trading online con CFD”
  1. […] mobile trading è ormai la nuova frontiera del trading online; permette un accesso ai mercati e ai prezzi in qualsiasi momento della giornata e in qualsiasi […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009