Che cos’è il ribilanciamento di un portafoglio finanziario

Di , scritto il 21 Giugno 2018

Per completare il discorso sulla costruzione di un portafoglio, aggiungiamo qualche chiarimento sul ribilanciamento di un portafoglio d’investimento. Con questa espressione si intende la modifica della composizione del portafoglio con l’obiettivo di renderlo più adatto alla situazione del mercato, sottopesando e/o sovrappesando gli investimenti in base ai trend di breve periodo.

L’operazione può essere svolta in vari modi: aggiunta di nuovi titoli e rimozione di altri (ad esempio azioni invece di obbligazioni o viceversa) oppure acquisto o vendita di quote dei titoli in portafoglio.

In ogni caso, il ribilanciamento è di fondamentale importanza proprio per il mantenimento di un portafoglio ben equilibrato nel tempo. Il ribilanciamento può essere programmato in base a frequenze temporali prefissate oppure non prefissate, ma semplicemente legate ai prezzi dei titoli. I migliori motivi per cui il ribilanciamento del portafoglio può essere vantaggioso nel lungo periodo sono un maggiore controllo del proprio livello di rischio e la possibilità di prendere decisioni di acquisto/vendita anticicliche.

Il ribilanciamento è l’esatto contrario della strategia buy and hold (letteralmente, compra e tieni), che consiste nell’acquistare azioni/obbligazioni, fondi ecc. di qualità a buon prezzo e conservarli nel lungo periodo, senza mai movimentarli. Nonostante l’apparente maggiore “sicurezza” dell’approccio “cassettista”, mantenere l’identica strategia di portafoglio nel corso negli anni non è esente da rischi, perché col passare del tempo e le variazioni del mercato la struttura del portafoglio tende a deviare rispetto all’asset allocation strategica inizialmente pianificata.

Ovviamente il ribilanciamento di portafoglio ha un costo, che si traduce in commissioni di negoziazione e possibili imposte sui capital gain. Per questo è importante calcolare il rapporto costo-beneficio di queste operazioni: se le spese risultano troppo elevate, può aver senso limitarsi a ribilanciare soltanto alcune posizioni oppure mantenere lo status quo.


1 commento su “Che cos’è il ribilanciamento di un portafoglio finanziario”
  1. paololombardo ha detto:

    io vado perché noi carica dela 10 euro fatto si o dimmi


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009