Dichiarazione dei redditi e assicurazioni: consigli utili

Di , scritto il 23 Maggio 2014

assicurazione-730I termini per presentare la dichiarazione dei redditi stanno per scadere: l’ultima proroga vede come data ultima il 31 maggio prossimo. È bene quindi informarsi sulle spese assicurative detraibili prima di presentare il 730.

Per ottenere un rimborso di denaro sulle spese sostenute, è bene ricordare di recuperare scontrini e fatture conservate durante l’anno per diverse tipologie di esborsi. Dalle spese mediche, farmaceutiche e veterinarie alle ricevute dell’affitto per categorie a basso reddito, molte spese anche onerose possono tornarvi in tasca almeno in parte.

Per quanto riguarda l’ambito assicurativo, ci sono novità da sapere, non tutte positive, in particolare in merito alle assicurazioni auto.

Viste le nuove restrizioni sulle detrazioni, è ancora più importante riuscire a risparmiare sulla polizza fin da subito, dalla scelta di un’assicurazione adatta alle proprie esigenze e al proprio budget – commenta Francisco Garcia, CEO di Chiarezza.itCon il nostro comparatore online avrete trasparenza grazie alla possibilità di confrontare i propri preventivi personalizzati, selezionando anche le garanzie desiderate”.

Secondo la Legge Fornero (n. 92 del 2012) e il successivo Decreto IMU, la deducibilità delle RC Auto dal 730 è stata modificata, per non dire quasi eliminata. La soglia minima del contributo al SSN (Servizio Sanitario Nazionale) è di 40 euro: sotto questo importo non è deducibile dal reddito complessivo. Inoltre, nel caso in cui si possiedano più polizze assicurative, la franchigia dei 40 euro va applicata alla somma di tutti i contributi SSN di ogni singola polizza.

Quali polizze sono quindi detraibili? Quelle sulla vita:

–       assicurazioni sulla vita e sull’infortunio, se stipulate prima del 31 dicembre 2000 con un contratto di durata superiore ai 5 anni, con una percentuale di rimborso del 19%;

–       assicurazioni sulla vita con oggetto il rischio di morte o l’invalidità superiore al 5%;

–       assicurazioni vita di familiari a carico;

–       polizze sanitarie integrative;

–       pensioni complementari.

Non sono invece deducibili dalla dichiarazione dei redditi:

–       le spese mediche come causa di incidenti arrecato da terzi (perché si è già stati risarciti dalla propria assicurazione o da chi ha causato l’incidente);

–       le assicurazioni sui veicoli aziendali;

–       le RC professionali.

Secondo il Decreto 102 dell’anno 2013 è stato fissato un importo totale sul quale effettuare le detrazioni del 19%, ovvero 630 euro per il 2014, mentre scenderà ulteriormente nel 2015.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009