Come usare l’app PayPal per inviare denaro da telefoni Android

Di , scritto il 23 Luglio 2018

Inviare denaro a qualcuno dal proprio device elettronico da tempo non è più un problema perché sono state messe a punto un gran numero di applicazioni che funzionano in sicurezza, hanno ricevuto una valutazione media eccellente dagli utenti e giorno per giorno migliorano le prestazioni della loro piattaforma. Tra queste spicca certamente per efficienza l’app PayPal per telefoni Android, gratuita, facile da usare e ricca di strumenti che consentono un servizio di qualità. Non a caso è già stata scaricata da oltre 50 milioni di utenti. Consente di inviare e ricevere denaro in più di 100 paesi e in un gran numero di valute, nonché di pagare i proprio acquisti con PayPal.

Ecco le sue principali caratteristiche:

* Il denaro può essere inviato e ricevuto praticamente dovunque, in tutte le valute disponibili. L’app consente di gestire con un solo software le proprie carte e i conti bancari a esse collegati, il saldo e i metodi di pagamento. Il denaro può essere trasferito dal proprio conto bancario all’account PayPal nel giro di pochi secondi.
* Per inviare il denaro (solo ad altri utenti PayPal) è sufficiente possedere il loro indirizzo email o il loro numero di cellulare. Se si inviano euro in Italia e nella zona euro dal tuo conto bancario o dal saldo PayPal non si pagano commissioni.
* L’invio e la ricezione di denaro sono sempre seguiti da una notifica push nella propria email con tutti i dettagli della transazione.
* Per ogni transazione effettuata PayPal trattiene il 5,4% + 30 centesimi.
* È possibile creare un account personale o aziendale.

Presto confronteremo questa applicazione con altre analoghe, continuate a seguirci!



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009