Asset class e Asset allocation: che cosa sono

Di , scritto il 23 Settembre 2013

asset allocationOggi dedichiamo qualche riga alla spiegazione di termini che spesso usiamo sulle nostre pagine dando per scontato che i lettori ne conoscano il significato. Partiamo dal termine asset, che in realtà in inglese ha un significato finanziario soltanto quando è impiegato al plurale e indica “beni, averi, attività patrimoniali, patrimonio”. Detto questo, risulta più chiaro che asset class significa categoria di investimenti o classe di investimento finanziario o attività di investimento.

Gli esempi più classici di di asset class sono:
* la liquidità e gli strumenti finanziari a essa assimilabili, come conti deposito, conti correnti, buoni ordinari del tesoro;
* le obbligazioni;
* le azioni;
* gli immobili;
* le valute;
* le commodities (o risorse naturali come petrolio, gas, carbone);
* i metalli preziosi;
* i beni di lusso: oggetti d’arte, vini pregiati, auto, gioielli ecc.

L’asset allocation è l’allocazione degli investimenti, ovvero la distribuzione dei fondi disponibili fra le varie asset class, che tutte insieme compongono il portafoglio dell’investitore.

Di solito, si distinguono tre tipi di asset allocation:
* strategica: calibrata su un orizzonte temporale medio-lungo;
* tattica: con orizzonte temporale breve e volta a sfruttare i trend di mercato del momento;
* dinamica: particolarmente sensibile e adattabile in base alle variazioni dei mercati.

2 commenti su “Asset class e Asset allocation: che cosa sono”
  1. […] più generica “gestione del risparmio”, ovvero di un portafoglio o di un gruppo di asset class come azioni, obbligazioni, liquidità ma anche beni immobiliari. In particolare si distingue tra […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009