Fatti investire da una cascata di diamanti

Di , scritto il 23 Ottobre 2008

diamondPiazzare i soldi lì dove possano fruttare: dirlo è facile; farlo, oggi, assai problematico, visti i guai delle banche e i crolli in Borsa. Allora ecco un piccolo suggerimento: investire nei diamanti. È un bene rifugio (proprio quanto occorre in questo periodo), un po’ come investire nell’oro. Ed è un investimento a lungo termine: insomma, non trattasi di una quota azionaria da prendere e rivendere nel breve per realizzare in fretta.

Se lo comprate per farne un investimento, sappiate che il suo taglio è classico, il rotondo brillante, e occorre almeno una pietra da 0,5 carati, del valore di 3.700 euro. E, acquistandolo, resterete comunque coperti da anonimato. Inoltre, del portafoglio azionario, il 10-15% dovrebbe essere dedicato a quella pietra preziosa.

Ma a chi è delegata l’affidabilità diamanti? Alla DTC, Diamond Trade Company, che fa da moderatore nei periodi di maggiore instabilità geopolitica.

Siete autorizzati a fare gli scongiuri; comunque, l’investimento in diamanti è redditizio. Non cala da 20 anni, con plusvalenze annuali ben oltre il livello del tasso di inflazione.


3 commenti su “Fatti investire da una cascata di diamanti”
  1. […] la Borsa scricchiola, è normale che fioriscano gli investimenti alternativi, soprattutto oro, diamanti, auto d’epoca, antiquariato e opere […]

  2. […] sempre amati per la loro bellezza, i diamanti continuano a essere un investimento solido. Negli ultimi decenni il loro valore è aumentato costantemente di qualche punto percentuale annuo […]

  3. […] i primi ETF sui diamanti 03 Maggio 2012 alle 13:41 scritto da michelle Sempre di investire sui diamanti si tratta, però invece di comprare le preziose pietre, si acquistano degli ETF. Finora mancavano […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009