Regime forfettario: software per la fatturazione

Di , scritto il 24 Febbraio 2020
fatture in cloud

Il regime forfettario è l’unico regime fiscale agevolato attualmente disponibile in Italia ed è stato riconfermato dalla legge di bilancio 2020 che ha apportato alcune modifiche alla disciplina, introducendo, tra l’altro, un nuovo requisito di accesso, una nuova causa di esclusione e un sistema di premialità per incentivare l’utilizzo della fatturazione elettronica.

In Italia a oggi, si registrano oltre 4 milioni di PMI (piccole medie imprese) e il 99,4% di queste, sono Microimprese (94.8% composte da professionisti, artigiani, freelance ecc.) e Medie imprese (4.6%) con meno di 50 dipendenti.

Le microimprese coprono dunque un vastissimo panorama di imprenditorialità che sceglie il regime fiscale “agevolato” dallo Stato grazie al suddetto regime forfettario.

Nonostante questa agevolazione, le microimprese e i professionisti si trovano a dover affrontare e gestire molteplici aspetti contabili che sottraggono tempo ed energie alla vera e propria attività imprenditoriale.

Preventivi, documenti di trasporto, fatture, solleciti di pagamento, contabilità in generale ecc. sono incombenze che non scompaiono scegliendo il regime forfettario e complicano non poco la vita del professionista o del freelance che non può contare su collaboratori interni dedicati, ma soltanto sul commercialista.

Per aiutare la micro imprenditorialità Italiana, diventa perciò fondamentale l’utilizzo di gestionali e software che automatizzano i processi “amministrativi” rendendoli semplici e facili da tenere sotto controllo. Nel vasto panorama delle offerte dei software gestionali, Fatture In Cloud risulta essere quello più strutturato e vantaggioso. Ha infatti lanciato un’offerta dedicata a tutti coloro che operano in regime forfettario e che merita di essere approfondita.

Che cosa offre Fatture in Cloud?

L’offerta di Fatture In Cloud è quella di regalare un account che include tutti i servizi migliori (tranne la fatturazione elettronica a cui i forfettari non sono obbligati)  per un valore totale di più di 200 € + IVA l’anno.

In questo modo si potrà valutare la bontà dei servizi offerti durante il periodo di prova di 12 mesi.

Quali sono i servizi inclusi in Fatture In Cloud

Aderendo all’offerta gratuita, si potrà:

  • Redigere fatture e preventivi in un attimo: fuori ufficio o dal cliente è possibile creare al volo un preventivo o una fattura in modo semplice e veloce.
  • Inviare solleciti di pagamento anche automatici ai clienti smemorati. I moduli sono già precompilati, bisogna solo pianificare l’invio scegliendo l’inoltro il giorno della scadenza, prima o dopo di essa in piena libertà. 
  • Beneficiare di uno scadenzario: Il software ricorda in automatico quando stanno per scadere i pagamenti in entrata e uscita, i moduli F24 e le scadenze personalizzate del cliente.
  • Scaricare un’app Android e iOS per smartphone e tablet che permette di operare anche in mobilità.
  • Utilizzare un collegamento diretto con il proprio commercialista, concedendogli accesso all’account così da risparmiare tempo ed evitare errori.

Altro vantaggio non indifferente è che l’account per il proprio commercialista è gratis. Tra l’altro, qualora qualcuno non disponesse di un commercialista, Fatture in Cloud può anche suggerire un commerciliasta di una determinata scegliendolo in base alla propria esperienza con i clienti Fatture in Cloud.

Analizzata l’offerta, possiamo dire che Fatture In Cloud fornisce tutti gli strumenti utili agli imprenditori e professionisti aiutandoli a sopravvivere nel mare magnum delle pratica amministrative e consente loro di concentrarsi sul proprio core business per far crescere la propria attività imprenditoriale.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009