Fondi blockbuster: da cosa deriva il loro successo

Di , scritto il 24 Giugno 2014

fondi blockbusterLa dicitura fondi blockbuster è presa a prestito dal mondo del cinema: così come certi film sbancano al botteghino, anche in finanza esistono fondi che fanno la parte del leone nel catturare i flussi di risparmio, soprattutto dei clienti retail. Si calcola che la metà delle nuove sottoscrizioni sia conquistata dall’1% dei fondi totali.

La raccolta dei fondi più amati dagli investitori si concentra su alcune tipologie di prodotti finanziari, per la precisione quattro: i fondi a cedola, i fondi total return, le gestioni di mercato obbligazionario a breve termine e le gestioni di mercato monetario.

Quali sono le ragioni di questo fenomeno? La richiesta da parte degli investitori non è tanto determinata dal successo di questi prodotti in termini di rendimento oggettivo, ma piuttosto dalla “solidità” della proposta (per un piccolo investitore risulta molto attraente l’idea di poter contare su un flusso cedolare costante e sulla garanzia di rimborso alla pari alla scadenza). Non da ultimo, un ruolo importante nel successo di questi prodotti è giocato dalle modalità della distribuzione e dalle politiche degli operatori. La maggior parte delle banche e degli intermediari o consulenti tende infatti a raccomandare una lista limitata di prodotti, tra cui, come nel caso dei fondi a cedola, sono quelli per i quali il periodo per la sottoscrizione è limitato (solitamente è di un trimestre) e le commissioni elevate (pari ad almeno il 3%).



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009