Apre oggi il Museo del Risparmio a Torino

Di , scritto il 25 Maggio 2012

Viene inaugurato proprio oggi, 25 maggio 2012, a Torino in via San Francesco d’Assisi 8/A il nuovo Museo del Risparmio, a cura del gruppo Intesa Sanpaolo e con ingresso gratuito fino al 3 giugno. Un percorso interattivo su 600 metri quadri in quello che fu il primo Monte di Pietà di Torno, che aiuta a scoprire la storia della gestione del denaro dall’introduzione della moneta sotto il re Creso nel VII secolo a.C. fino alla finanza dei giorni nostri. L’obiettivo del museo è aiutare i cittadini a comprendere come si è evoluta l’economia mondiale con l’uso della moneta, utilizzando un linguaggio semplice e comprensibile a tutti.

Per farlo i curatori hanno utilizzato le tecnologie più all’avanguardia: video interattivi in 3D, applicazioni che illustrano i movimenti dei mercati negli ultimi decenni e la loro influenza sulla politica, totem che illustrano il significato di termini difficili come Azioni e Derivati. Una sezione del museo è dedicata alla storia del risparmio, un’altra agli strumenti e ai principi della finanza. Una terza alle opere letterarie che nel corso dei secoli hanno trattato l’argomento della ricchezza (Dante, Shakespeare, Molière e Hemingway, per citarne solo alcuni). E poi c’è una quarta sala dedicata al cinema, in cui si possono vedere spezzoni di pellicole famose che girano intorno al denaro, da La banda degli onesti di Totò alla pellicola Il Gioiellino dello scorso anno. E, alla fine, del percorso, giochi che mettono alla prova adulti e bambini. Per i bambini sotto i cinque anni è anche previsto un lavoretto che consente di guadagnare una paghetta che in seguito può essere conservata o investita in qualche modo.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009