Bond argentini di nuovo appetibili?

Di , scritto il 25 Maggio 2012

Prendiamo spunto da un trafiletto di Daniel Indiviglio comparso oggi su La Stampa per riaccendere i riflettori su un paese che negli anni recenti non ha certo dato soddisfazioni agli investitori. Secondo l’esperto finanziario della Reuters, i titoli del debito pubblico argentino sono al momento più appetibili di quanto si creda. Attualmente i Boden 2015 hanno un rendimento del 15%.

Le sue convinzioni sono basate su un bilanciamento tra pro e contro. Da un lato bisogna sicuramente tenere presente che ai mercati non è piaciuta la mossa per la nazionalizzazione della società petrolifera YPF recentemente attuata dalla presidente Cristina Fernandez. Così come non piacciono i rigidi controlli più sulla valuta.
Ma è anche giusto tenere presente che l’Argentina ha un debito pubblico molto basso: solo il 41,3% del PIL (185 miliardi di dollari), il PIL argentino è in crescita di circa il 4%, il paese può contare su abbondante liquidità, derivante dalle riserve della banca centrale, dai fondi pensione e dalle casse della YPF. Inoltre, nonostante gli altri tassi di interesse da pagare, è molto improbabile che la presidente decida per il default, vista la vicinanza delle elezioni del congresso nel 2013.

Anche a voler essere molto negativi, conclude Indiviglio, bisognerebbe quanto meno ammettere che i titoli di stato argentini sono ingiustamente ritenuti più rischiosi di quelli venezuelani, un paese che sotto la guida di Chavez ha un’altissima propensione alla nazionalizzazione.

Mascherine in pronta consegna


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009