Eud Foundation e la Community Interest Company: una fotografia

Di , scritto il 26 Gennaio 2021
Eud Foundation

Qualcuno forse potrebbe storcere il naso nell’immaginarsi una finanza etica funzionante non soltanto a parole, ma anche nei fatti. Quel qualcuno allora farebbe meglio a ritagliarsi due minuti e a leggere questo articolo. Non promettiamo miracoli e non vogliamo far cambiare idea a nessuno, ma è importante che tutte le idee possano essere accolte e ascoltate e poi, ovviamente, anche giudicate.

In questo articolo vi parleremo della Eud Foundation CIC dove “CIC” significa Community Interest Company. Cosa significa in maniera pragmatica? Che l’obiettivo della Fondazione è quello di ottenere valore non solo per un’impresa ma per un’intera comunità o addirittura nazione, allargando i confini e abbattendo ogni pregiudizio.

Eud Foundation e la sua mission

Il mondo di oggi non solo ce lo chiede, ma addirittura ce lo impone: è necessario trovare altri approcci, ampliare le proprie conoscenze, essere curiosi, guardare i problemi da altre prospettive e scorgere possibilità anche nelle situazioni più complesse. La sfida è questa: costruire nuove politiche che possano consentire di pari passo crescita economica e sociale.

Eud Foundation, accelerare la realtà come una Startup

Un così ambizioso progetto eudfoundation.it riesce a metterlo nero su bianco (e a realizzarlo) attraverso l’attuazione di una rigida sequenza di azioni. In primis c’è il processo di accelerazione, ma con qualche piccola differenza. In questo caso non siamo in un incubatore e non c’è una Startup al centro dell’attenzione, ma progetti dedicati alla crescita economica e sociale che siano sostenibili da un punto di vista finanziario e che siano al contempo finalizzati a soddisfare le domande più deboli. Si parla di accelerare, ma non è una gara. In questo moto crescente nessuno dovrà restare indietro.

Eud Foundation: il programma di accelerazione

In collaborazione con Avering (un membro attivo della sua organizzazione) la Eud Foundation ha avviato un’iniziativa incentrata sulla creazione, gestione e finanziamento di un acceleratore di progetti e iniziative.
Questo acceleratore si chiama OpenLab ed è un programma di accelerazione in cui attori pubblici e privati possono trasformare le loro idee in qualcosa di concreto: in imprese redditizie e in miglioramenti sociali visibili e resistenti sul lungo termine. Il lavoro dell’acceleratore OpenLab è descrivibile attraverso quelle che potremmo definire “cinque azioni manifesto”:

  1. Identificare. Condizione necessaria affinché l’innovazione abbia successo, è che questa sia basata su un’opportunità che sia davvero in grado di creare valore per l’azienda.
  2. Generare. Dopo aver colto un’opportunità di innovazione, bisogna generare idee brillanti e originali per sfruttarla.
  3. Valutare. Le idee vengono analizzate per scegliere quelle che siano potenzialmente più in grado di generare il massimo valore per l’impresa e la comunità.
  4. Sviluppare.  Lo sviluppo delle idee è condizionato dal settore in cui risiede l’organizzazione.
  5. Implementare. Nel momento in cui un’idea viene approvata e ratificata, questa deve essere trasformata in realtà. Ciò accade attraverso il lancio dell’idea sul mercato e una comunicazione di successo.

Eud Foundation verso un sistema sostenibile

Le cosiddette cinque azioni manifesto che avete appena letto consentiranno a governi, imprese e organizzazioni di lavorare insieme mantenendo un fondamentale equilibrio tra impresa e sostenibilità sociale. Questa possibilità Eud Foundation la dimostra attraverso la creazione di un sistema di investimenti a forte impatto sociale pensato per sostenere progetti innovativi nel campo del benessere, dell’inclusione sociale e della salvaguardia della stessa economia di mercato.

2 commenti su “Eud Foundation e la Community Interest Company: una fotografia”
  1. Mary ha detto:

    C.i.c. Foundation sono un istituzione internazionale inglese. Al sito Eud è indicato pubblicamente modus operandi. Questo gruppo segue iter delle c.i.c. e può sostenere solo membri della community. In un mercato libero ognuno può scegliere dove andare in palestra, in quale ristorante mangiare, che università fare e con chi dare business o collaborare.
    Anche nella Eud Foundation c’è libertà di scelta di esserci. Cd un mondo di opportunità…Eud e una delle opportunità.

  2. Luis ha detto:

    Buon pomeriggio, sono Luis Ramirez, un uomo d’affari spagnolo. Cercando informazioni ho trovato su Internet il vostro articolo, scritto da Daniele Grattieri, al seguente link: https://www.solofinanza.it/26012021/eud-foundation-e-la-community-interest-company-una-fotografia/17900

    Nel marzo 2021 sono stato contattato da 2 persone, della società Avering (Spagna) come rappresentanti della FUNDACIÓN INTERNACIONAL EUD C.I.C., con sede legale a Londra (UK), ma mi hanno detto che rappresentavano partner italiani, specificamente legati alla famiglia cardinale del Vaticano. Si sono offerti di comprare la mia azienda ma hanno messo formule di pagamento con un MTN o SBLC che non mi hanno mai convinto ma hanno affermato di rappresentare un’importante Fondazione che gestisce un capitale multimilionario, hanno approvato la cifra di vendita e ho incontrato Ciro Ferraro, il presunto direttore finanziario della Fondazione, attraverso una riunione in videoconferenza. Poco prima di firmare l’accordo, mi è stato chiesto di registrarmi come membro della Fondazione per una quota di circa 4.000 sterline. Sono molto preoccupato che questa sia una truffa, potreste per favore aiutarmi a chiarire se questa è una truffa, la EUD INTERNATIONAL FOUNDATION è una VERA e credibile Fondazione o Fondo con un significativo sostegno finanziario e importanti progetti in tutto il mondo? Grazie mille.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009