Caro Benzina: conviene il benzinaio “no logo”?

Di , scritto il 26 Marzo 2008

Benzinai no logoL’Italia, il nostro bel Paese, non naviga proprio nell’oro ultimamente, anzi la vita è diventata cara come l’oro e oggi vogliamo tornare a parlare del caro-oro-benzina.

Sì perché se è vero che si sborsano sempre più soldi per fare un pieno che dura sempre meno, è anche vero che qualche piccolo accorgimento che il consumatore può adottare esiste.

In tema benzina, infatti, è utile sapere che esistono alcuni impianti e distributori, i cosidetti benzinaibianchi” o benzinai no-logo o benzinai discount che, non avendo i costi legati alle grandi campagne di promozione – invece sostenuti dalle compagnie tradizionali – possono permettersi, come imprenditori privati, di praticare prezzi diversi ed evidentemente più bassi. Le sigle di questi distributori suonano aliene come la loro esistenza: Ewa, Tuscia Petroli, Enerpetroli, Energia Siciliana, Facchini, Toscoil, Dubois.

La loro presenza in passato aveva fatto dubitare qualcuno sulla qualità del loro prodotto ma, per questo, rimandiamo alle esperienze dei nostri lettori.

Intanto vi linkiamo un sito interessante che porta nota dei luoghi e degli impianti dove trovare la benzina ai prezzi più bassi, oltre a fornire notizie e approfondimenti in tema. Il sito si chiama “Prezzi Benzina” e lo potete raggiungere cliccando qui.


1 commento su “Caro Benzina: conviene il benzinaio “no logo”?”
  1. […] Qualche giorno fa avevamo pubblicato un post dedicato ai benzinai “no logo” per offrire consigli e informazioni agli utenti sui distributori che praticano prezzi inferiori e far conoscere un’alternativa che si contrappone alle compagnie tradizionali (per il post potete cliccare qui). […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009