Piccoli Prestiti online da 1000 euro: requisiti e documenti

Di , scritto il 27 Gennaio 2019

Oggi accedere al credito è molto più semplice di quanto non fosse qualche anno fa. Grazie ai servizi di comparazione online, infatti, è possibile richiedere un piccolo finanziamento in modo estremamente rapido, senza doversi recare fisicamente nella filiale della banca o della finanziaria.

Se vi occorre un piccolo prestito per sostenere una spesa più o meno imprevista, infatti, sappiate che è possibile ottenerlo in 24 o 48 ore a partire dall’approvazione della banca o della finanziaria. Findomestic e Agos arrivano a rispondere entro le 72 ore, se non prima.

I requisiti dei piccoli prestiti

Bisogna, prima di tutto, non risultare un cattivo pagatore nelle banche dati dei Sistemi di Informazioni creditizie (questo vale per tutti i tipi di prestiti, personali o finalizzati). Inoltre, bisogna dimostrare di avere un reddito. Non è necessario disporre di busta paga ma dalla documentazione fornita deve risultare il fatto che abbiamo la possibilità di pagare le rate del finanziamento. Tra le forme di reddito che banche e finanziarie accettano, abbiamo la rendita da affitto, il reddito da lavoro autonomo e il reddito da lavoro stagionale.

In ogni caso, gli istituti di credito valutano i singoli casi, riguardo i tipi di reddito. Bisogna, comunque, presentare relativa documentazione. In certi casi, si possono presentare gli estratti conto bancari: delle entrate continue certificano il possesso di una forma di reddito. Se la somma richiesta è tra i 1.000 e i 3.000 euro, l’approvazione può avvenire in tempi davvero rapidi.

Bisogna aggiungere che per i cattivi pagatori non tutto è perduto: possono usufruire del piccolo prestito con pegno (che deve avere un valore superiore alla somma richiesta) o del prestito cambializzato. In alternativa si può richiedere un piccolo prestito online con modalità “cessione del quinto dello stipendio o della pensione”.

Il percorso online

Fare richiesta per un piccolo prestito online da 1.000 euro è molto semplice e, nella maggioranza dei casi, è possibile farlo comodamente online. Anzi, visti gli importi non elevati e la velocità di erogazione dei prestiti immediati, la procedura telematica è quella più comune. I vantaggi della domanda online sono evidenti: velocità, praticità, la comodità di poter avviare la pratica anche da casa, senza spostarsi o fare la fila in filiale. La velocità, poi, non riguarda solo la presentazione della domanda ma anche i tempi di erogazione: per un piccolo prestito da 1.000 euro, la somma che ci occorre ci arriverà dopo poche ore che abbiamo fatto richiesta.

Per cominciare, il primo passo è quello di richiedere un preventivo online per poter scegliere la tipologia di finanziamento che più si adatta alle nostre esigenze, con un occhio alla rata di rimborso prevista e ai tassi d’interesse Tan e Taeg che vengono applicati. La rata di rimborso può essere calcolata attraverso i siti internet delle varie compagnie. Sceglieremo la durata adatta a noi e, a quel punto, faremo materialmente richiesta. Dovremo inserire tutti i nostri dati personali, oltre a un recapito telefonico e l’indirizzo e-mail. I nostri contatti verranno utilizzati dall’istituto di credito per le comunicazioni riguardo la nostra pratica.

Facciamo un esempio: se andiamo sul sito internet di Findomestic, il simulatore ci aiuterà a calcolare l’importo di ogni rata e il tasso di interesse che viene applicato. Non occorre registrarsi al sito e non dobbiamo essere già clienti. I dati che dovremo inserire saranno la somma che vogliamo richiedere, la rata preferita se ce l’abbiamo, il progetto a cui vogliamo destinare i soldi, come acquistare una moto usata o un elettrodomestico o un mobile, oppure un PC o un tablet.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009