Il 14% del phishing mondiale è italiano

Di , scritto il 27 Febbraio 2008

Phishing

Secondo una ricerca pubblicata da LaRepubblica Affari & Finanza del 18 febbraio 2008, l’Italia è la seconda nazione al mondo per ‘produzione’ di phishing, truffe telematiche generate al fine di caprire dalle ignare vittime i propri codici segreti.

L’Italia produrrebbe infatti il 14,3% del phishing mondiale, contro il 14,8% prodotto dai vicini spagnoli, e il 10,7% prodotto in Brasile.

Anche altri Paesi europei, oltre a Spagna e Italia, si rendono notoria fonte di phishing: Francia (6,5%), Polonia (4,9%) e Germania (4,4%) su tutti. Meglio di loro fa però Israele, con l’8,4%, mentre la Corea del Sud si ferma a 5,6%.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009