Risolvere i problemi di debiti con Difesa Debitori Spa

Di , scritto il 27 Maggio 2021
difesa debitori

Dalla quarta indagine straordinaria condotta da Banca d’Italia sulle famiglie italiane e l’effetto della pandemia emergono dati allarmanti. Oltre il 60% dei nuclei familiari infatti dichiara di avere serie difficoltà economiche ad arrivare a fine mese.

Questo dato segna un aumento di 10 punti percentuali rispetto alla stessa analisi condotta prima della pandemia.

Tale percentuale sale di altri 20 punti per i nuclei familiari in cui il capofamiglia, nonché principale fonte di reddito, è un lavoratore autonomo. Seppur i dati relativi alle attese sulle prospettive economiche e occupazionali mostrino un miglioramento, è evidente come permangano difficoltà reali per le famiglie italiane.

Effetto direttamente collegato a questa perdurante situazione di crisi economica è il ricorso sempre più massiccio al debito o, peggio, il suo deterioramento, stante le crescenti difficoltà delle famiglie nel mantenere fede agli impegni presi prima della pandemia globale. Infatti quasi 15 miliardi di euro delle sofferenze del sistema bancario italiano sono in capo alle famiglie e i privati in generale, non più in grado di ripagare le proprie esposizioni debitorie.

In questo preoccupante contesto tuttavia esistono delle realtà che vengono in aiuto a chi non riesce a sfuggire alla morsa dei debiti. Tra queste spicca l’azienda vicentina Difesa Debitori Spa, che dal 2013 si avvale di avvocati, ex funzionari di banca e fiscalisti per aiutare privati ed imprese in difficoltà economiche.

La società opera tramite una consulenza online dedicata che copre tutto il territorio nazionale. Che si tratti di ottenere un saldo e stralcio sulle proprie esposizioni debitorie con banche o finanziarie, una sospensione o riduzione della rata di mutui o finanziamenti, piuttosto che una consulenza per le proprie pendenze o cartelle esattoriali con Agenzia delle Entrate Riscossione (ex Equitalia), Difesa Debitori Spa è attiva per offrire ai propri assistiti la soluzione migliore ed aiutarli a recuperare un po’ della meritata serenità.

La società non si è fermata nemmeno di fronte al Covid. Anzi. La pandemia ha contribuito a spingere i canali digitali e consolidato la fiducia nei servizi a distanza, proprio come quelli forniti da Difesa Debitori Spa.

In cosa consiste un saldo e stralcio? Preferiamo spiegarlo con un esempio concreto, tramite il caso del signor S.F. (per ovvie ragioni di privacy possiamo citare solo le iniziali), pensionato, con 860 euro di reddito mensile. S.F. vive in affitto e con l’aggravarsi di alcuni suoi problemi di salute, si è trovato in forte difficoltà economica. Decide così di affidarsi a Difesa Debitori Spa per trovare una possibile soluzione dei suoi problemi finanziari, relativi in particolare ad un debito di 17.614,00 euro contratto con Banca Annia e divenuto impossibile da restituire. La già cagionevole salute di S.F. era, prima di conferire l’incarico a Difesa Debitori, messa ulteriormente alla prova dalle insistenti minacce dei recuperatori che esercitavano su di lui forti pressioni psicologiche.

Difesa Debitori è intervenuta nella gestione delle esposizioni debitorie, evitando al signor S.F. ulteriori contatti con il recupero crediti e raggiungendo tramite i propri professionisti un accordo a saldo e stralcio che prevede la restituzione di complessivi 2.000 euro, in 10 sostenibili rate da 200 euro, a fronte del debito originale, con un risparmio per il signor S.F. del 89%, restituendogli finalmente la tranquillità finanziaria. Per contattare Difesa Debitori Spa, senza impegno, è disponibile il numero verde 800.621259, oppure è possibile effettuare una richiesta di informazioni nella sezione contatti del sito www.difesadebitori.it


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009