OEE: a cosa serve e perché è importante

Di , scritto il 27 Novembre 2019
OEE

L’OEE, acronimo di Overall Equipment Effectiveness, è un indicatore percentuale che illustra il rendimento di determinate risorse produttive attive all’interno di un periodo di tempo prestabilito. Può essere applicato sia a risorse tecniche sia a risorse umane al fine di individuare ogni tipologia di inefficienza: dall’errata pianificazione, ai guasti, fino alla mancanza di materiali.

Il calcolo OEE ha l’obiettivo di ottenere una massimizzazione dell’efficienza delle risorse produttive. È un parametro importante poiché contestualizzato alle limitate possibilità di spesa da parte dei consumatori e ad un mercato dei beni sempre più globalizzato e ricco di competitor.

Per effettuare un controllo di gestione efficace e preciso, è fondamentale acquisire un sistema di controllo che permetta al management di:

  1. individuare ed eliminare le fonti di inefficienza
  2. disseminare indicatori che consentano un’ottimizzazione della produttività
  3. individuare la reale efficienza produttiva dotandosi di parametri oggettivi

OEE: ecco come si calcola

In passato il calcolo dell’OEE era fondato su alcuni indicatori di performance, come Disponibilità, ossia il rapporto percentuale tra l’effettivo tempo di attività e quello disponibile, Rendimento (percentuale di prodotto rispetto alla potenzialità teorica) e Qualità, la percentuale di parti conformi agli standard qualitativi rispetto al totale. La formula che restituisce l’OEE è la seguente: Disponibilità x Rendimento x Qualità.

È evidente come un modello così rigido possa non trovare applicazione in determinati contesti, laddove il ciclo produttivo sia articolato in più reparti, ognuno con le proprie caratteristiche. In tal caso, infatti, sarebbe davvero complesso misurare con precisione Disponibilità, Rendimento e Qualità.

Considerando questi aspetti, si è reso necessario costituire un nuovo modello di calcolo dell’efficienza produttiva. Se definiamo l’OEE come la capacità da parte dell’azienda di creare valore per il cliente attraverso le risorse produttive a disposizione, possiamo calcolare l’OEE come rapporto tra due valori Y (output) e X (input) tali che:

  • X rappresenti la disponibilità oraria delle risorse umane e impiantistiche, alla quale viene associato un costo orario.
  • Y sia l’espressione di un’unità di misura temporale. Per calcolare questo valore è essenziale misurare il “tempo standard di lavoro”, ovverosia il tempo necessario per portare a compimento un’operazione sulla scorta delle risorse disponibili.

Dopo aver stabilito il tempo standard di lavoro, per ottenere Y bisognerà moltiplicarlo per il numero di pezzi processati durante il tempo di lavoro.

Suite E3: il software di Dialog Sistemi per migliorare l’efficienza produttiva

Per ottimizzare l’efficienza produttiva, affidarsi ad una piattaforma come la Suite E3 di Dialog Sistemi può rappresentare una soluzione ottimale.  L’azienda italiana sviluppa dal 1992 soluzioni software per coadiuvare imprese attive nel ramo industriale o retail nel raggiungimento dei propri obiettivi di business.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloFinanza.it – Guida agli investimenti finanziari supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009