Home » Risparmiare carburante, ora c’è chi ti aiuta davvero: sensazionale!

Risparmiare carburante, ora c’è chi ti aiuta davvero: sensazionale!

Google ha introdotto una nuova funzionalità all’interno di Google Maps che permette di ridurre consumi ed emissioni nocive: ecco come seguire i percorsi ecosostenibili.

Il servizio di Google è già stato sperimentato con successo negli Stati Uniti, in Canada e in Germania per consentire di ridurre le emissioni nocive dei veicoli e i consumi.

Google Maps e percorsi ecosostenibili
Google Maps e percorsi ecosostenibili su solofinanza.it

L’introduzione dei percorsi ecosostenibili ha permesso la riduzione di emissioni di oltre mezzo milione di tonnellate, un numero importantissimo nell’ottica dell’adozione di comportamenti mirati alla salvaguardia dell’ambiente. Il traffico dei veicoli, infatti, rientra tra le attività che producono maggiori livelli di anidride carbonica (CO2) e di altri gas nocivi responsabili dell’effetto serra e del riscaldamento globale.

Percorsi ecosostenibili su Google Maps: come funziona la scelta del percorso più efficiente

percorsi ecosostenibili su Google Maps
percorsi ecosostenibili su Google Maps su solofinanza.it

Come funzionano i percorsi ecosostenibili su Google Maps? Digitando il punto di partenza e quello di arrivo e selezionando la voce “Percorso”, si può accedere tramite un tasto posizionato in alto a destra ad un menu su cui occorre selezionare “Opzioni percorso” e infine attivare l’opzione “Scegli percorsi a minor consumo di carburante”. In questo modo l’applicazione mostrerà il percorso più efficiente per quel che riguarda i consumi di carburante accompagnato dall’icona di una foglia: vengono riportate anche le percentuali di maggiore efficienza rispetto agli altri percorsi possibili.

All’interno della stessa funzione si può indicare il tipo di motore della propria automobile, scegliendo tra: benzina, diesel, elettrico o ibrido. In base al tipo di motore varierà anche l’itinerario consigliato, calcolato da Google sulla base delle informazioni sui consumi fornite dall’Agenzia europea per l’ambiente e dal dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, combinate con i dati raccolti proprio da Google Maps in questi anni.

La popolare applicazione vuole inserirsi nella fruizione di attività per ridurre l’impatto degli spostamenti sull’ambiente proponendo, oltre alle informazioni sui possibili percorsi in automobile, anche quelle sui percorsi a piedi o da percorrere con i mezzi pubblici e in bicicletta. Nella sezione Voli, poi, è possibile recuperare le informazioni sulle tratte aeree, ma bisogna prestare attenzione a queste indicazioni: un’inchiesta di BBC News ha segnalato l’errata valutazione dell’effettiva produzione di emissioni di un volo. Calcolando le emissioni aeree, infatti, non bisogna considerare solo l’anidride carbonica. Google ha risposto all’inchiesta precisando come il progetto sia ancora nella sua fase iniziale e vada messo a punto con ulteriori aggiornamenti: gli sviluppatori sono già al lavoro per migliorare il sistema e renderlo più efficiente per chiunque voglia scegliere un viaggio ecosostenibile.