Home » Risparmiare in bolletta con il Fotovoltaico: tutte le novità, non aspettate troppo

Risparmiare in bolletta con il Fotovoltaico: tutte le novità, non aspettate troppo

Risparmiare sul costo dell’energia con l’utilizzo del fotovoltaico, ora è ancora più semplice. Ecco tutte le novità.

Con l’aumento del costo dell’energia elettrica, cercare delle soluzioni per poter risparmiare in bolletta è assolutamente necessario. Una buona scelta per azzerare gli sprechi ed abbassare decisamente i costi sono i pannelli solari.

pannelli solari
pannelli solari solofinanza.it

È possibile risparmiare davvero tanto sulla bolletta grazie ai pannelli solari. Al momento sono circa 9 milioni le famiglie che hanno investito nel fotovoltaico perché coscienti del fatto che si tratti una scelta contro gli sprechi e che fa abbassare notevolmente i costi. In più, con i nuovissimi pannelli solari anti – crisi è possibile tagliare i costi fino addirittura al 90%. Per cui, in questo articolo, approfondiremo quali sono i vantaggi che offrono i pannelli solari e quali sono i requisiti necessari per richiedere il nuovo modello semplificato.

Pannelli solari: quali sono i vantaggi?

Si tratta di dispositivi che catturano energia solare e la trasformano in energia elettrica, pulita e naturale. Attualmente, in commercio, esistono diverse tipologie di pannelli solari, e tutti presentano diversi vantaggi di utilizzo.

Il primo tra i vantaggi, derivanti dall’utilizzo dei moduli fotovoltaici, è senza dubbio la rinnovabilità dell’energia solare. In più, l’energia prodotta può essere utilizzata non solo per produrre elettricità, ma anche per generare calore. Altro vantaggio da non sottovalutare è non dover affrontare costi molto impegnativi per l’installazione. Ma soprattutto, i pannelli solari offrono la possibilità di risparmiare notevolmente in bolletta, producendo in autonomia energia elettrica.

Pannelli solari: il nuovo modello semplificato

Per l’installazione di impianti fotovoltaici fino a 200 kW, da ora è prevista una procedura semplificata, prima in vigore solo per gli impianti fino a 50 kW. Il decreto firmato dal ministero della Transizione Ecologica (Mite), ha l’intento di spronare i cittadini ad avviarsi verso le fonti rinnovabili, snellendo notevolmente le procedure. Dunque, i tempi si ridurranno notevolmente, perché le richieste per la realizzazione di nuovi impianti potranno essere fatte semplicemente compilando il modello unico. La richiesta dovrà essere trasmessa al gestore di rete che effettuerà le verifiche, avviando automaticamente le procedure di connessione e di autorizzazioni comunali nel caso di esito positivo.

Quali sono i requisiti?

pannelli solari
pannelli solari solofinanza.it

Il modello unico è pensato per la realizzazione, la modifica, il potenziamento, la connessione e l’esercizio degli impianti che si trovano presso clienti già dotati di punti di prelievo attivi e per i quali siano necessari interventi e lavori semplici con richiesta di ritiro energia al GSE, ritiro dedicato incluso (ovvero si opti per la cessione a mercato dell’energia elettrica mediante la sottoscrizione di un contratto di dispacciamento con una controparte diversa dal GSE).