Home » Sapevi che si può richiedere un prestito personale e averlo subito?

Sapevi che si può richiedere un prestito personale e averlo subito?

Il prestito personale è una tipologia di finanziamento erogato dagli istituti di credito. Ecco come chiederlo e calcolarlo.

Sentiamo spesso parlare di prestito in generale anche se di solito ci si riferisce al prestito personale.

prestito personale-solofinanza.it

Come richiedere un prestito personale e averlo subito

Si tratta di un finanziamento di una somma di denaro a tasso fisso. Il debitore, poi, si impegna a restituirla anche con rate mensili. Il prestito non è finalizzato, ossia la somma non ha bisogno di una giustificazione per essere richiesta o di spiegare come verrà poi utilizzata. Dovrà essere rimborsato con rate mensili con tempistiche stabilite in precedenza.

Esistono varie tipologie di prestito con finalità diverse a seconda dell’uso che il richiedente deve fare:

  • delega di pagamento: concesso sia a dipendenti pubblici e privati sia a pensionati. Il rimborso del prestito può essere pagato con rate mensili da sottrarre dallo stipendio e non possono essere superiori ai due quinti dello stesso;
  • cessione del quinto: simile al precedente il debito da sottrarre allo stipendio o al cedolino della pensione non può superare un quinto dello stipendio netto o della pensione. Anche questo è accessibile sia ai dipendenti pubblico o privati sia ai pensionati;
  • fiduciario: per necessità urgenti di contanti. Destinato ai pensionati, ai dipendenti, agli autonomi e agli studenti è un prestito non finalizzato ma è concesso solo se si dimostra di riuscire a rimborsarlo;
  • finalizzato: di solito erogato da una banca o da un istituto di credito ed è richiesto a chi vende un servizio o un bene e pagarlo a rate;
  • vitalizio ipotecario: destinato a proprietari di casa con un’età superiore ai 60 anni. In questo caso la somma è concessa dopo l’iscrizione dell’ipoteca sull’immobile.

Come richiedere il prestito? Come fare tutte le valutazioni

prestito personale-solofinanza.it

Per accedere al prestito personale, la Banca d’Italia ha fissato alcune condizioni e requisiti che variano da banca a banca e dalla tipologia di prestito scelto.

I destinatari sono persone di età compresa tra i 18 e i 70 anni, ma in alcuni casi l’età più essere anche più alta. Importante condizione è dimostrare che la somma potrà essere rimborsata. Per questo motivo si terrà conto delle altre spese mensili, come il mutuo, l’affitto o le bollette.

Nello specifico, i lavoratori dipendenti dovranno consegnare una o più buste paghe, mentre i lavoratori autonomi dovranno esibire la dichiarazione dei redditi. I pensionati invece il cedolino della pensione.

Vari sono i fatti da considerare al momento di richiedere il prestito, come il costo del finanziamento, ovvero la cifra comprensiva degli interessi e delle spese accessorie. Senza dimenticare di includere anche:

  • spese di apertura della pratica
  • spese di istruttoria
  • commissioni bancarie
  • costi di una polizza assicurativa

In generale, è bene valutare il TAEG – Tasso annuo effettivo globale – che esprime in percentuale quale sarà il costo del prestito generale comprensivo delle spese citate in precedenza.