Home » Prestito agli amici, al Fisco non piace: a cosa stare attenti

Prestito agli amici, al Fisco non piace: a cosa stare attenti

Prestare dei soldi a degli amici può essere un problema. Si sa, Il fisco non vede di buon occhio le donazioni in denaro. Bisogna trovare un modo per trasferire denaro senza insospettire il Fisco. Si può fare? Vediamo tutti i dettagli del caso all’interno dell’articolo. 

Cosa pensa davvero il Fisco quando trasferiamo delle somme di denaro agli amici? Per loro questa pratica può essere fastidiosa. Scopriamo come fare per aggirare l’ostacolo.

amico che presta denaro solofinanza.it

A cosa stare attenti quando si fa un prestito agli amici: al Fisco potrebbe non piacere

Sicuramente la strada più comoda e trasparente è quella di farlo davanti ad un notaio e alla presenza di alcuni testimoni, ma un altro problema potrebbe essere quello di non riuscire a dimostrare il titolo di gratuità, e quindi di non aver ricevuto nulla in cambio. Proprio per questo è fondamentale avere un atto scritto dove si attesta che il trasferimento è avvenuto senza nulla in cambio.

Per piccole somme nulla ci vieta di darle in contanti e nessuno verrà mai a rendervi conto. Ma quando si parla di somme più grandi bisogna comunque tutelarsi. Qualcuno si affida al bonifico con causale,- qui spieghiamo bene quale causare usale in caso di bonifico – nella quale si andrà ad indicare la dicitura prestito infruttuoso ma in questo modo non siamo del tutto salvi da controlli, perché questa è una dicitura indicativa e non concordata con chi riceve il bonifico, e dunque, non può comprovare nulla.

Per la legge un prestito non è altro che un mutuo o un modo in cui si riceve del contante che poi dovrà essere restituito con interesse. Diciamo che nei prestiti in famiglia o per gli amici, in genere non si chiedono gli interessi questo però spesso è frutto di un patto verbale che per avere valenza giuridica sarebbe bene concordare anche in maniera scritta; bene sarebbe farlo qualche giorno prima del versamento del denaro richiesto. Insomma effettuare un prestito di denaro per i propri amici o familiari potrebbe essere rischioso.

Notaio firma atto del prestito solofinanza.it

un metodo che ci tranquillizza in caso di un prestito agli amici

Per non avere problemi con l’Agenzia delle Entrate bisognerà formalizzare un atto davanti ad un notaio con dei testimoni. Solo in questo modo il prestito non sarà oggetto di controllo da parte del Fisco. In più c’è una maggior tutela perché accade spesso che un prestito si trasformi in denaro perso perché il ricevente non si sente più in dovere di restituirlo. In questo modo si viene incontro alle esigenze di un amico e non si rischia di avere conseguenze poco gradevoli per chi genera il prestito anche a titolo di amicizia.