Home » Smettere di mangiare pasta e pane: cosa succede al tuo corpo

Smettere di mangiare pasta e pane: cosa succede al tuo corpo

Cosa succede al tuo corpo se smetti di mangiare pane e pasta? Quando si riduce l’apporto di carboidrati, la prima cosa che si nota è la rapidità quasi magica di perdita di peso. Quando però decidiamo di togliere dal piatto intere categorie di nutrienti dobbiamo sapere a cosa andiamo incontro e a che cosa servono ad esempio i carboidrati.

La mania del low-carb va ancora forte, soprattutto in alcuni tipi di dieta. I carboidrati però sono la principale fonte di energia per il cervello. Quindi cosa succede al tuo corpo se non li assumi? vediamolo insieme.

cibi ricchi di carboidrati solofinanza.it

Cosa succede al tuo corpo se smetti di mangiare pasta e pane: l’importanza dei carboidrati

Eliminarli solo per alcune settimane non giustifica l’azzardo, perché le conseguenze si possono far sentire anche a lungo termine. Ce lo spiega il professor Pietro A. Migliaccio, nutrizionista presidente emerito della Società Italiana di Scienza dell’Alimentazione (S.I.S.A.). «I carboidrati sono immagazzinati nel corpo sotto forma di glicogeno – spiega Pietro Migliaccio – ogni grammo accumula da tre a quattro volte il suo peso in acqua. Quindi, non appena si tagliano i carboidrati e si inizia a utilizzare il glicogeno, ogni grammo di carboidrati in meno sono 3 grammi persi di acqua».

I carboidrati sono la principale fonte di energia per il cervello. Quando una persona li riduce il cervello “si annebbia”. «I grassi bruciano al fuoco dei carboidrati – specifica Migliaccio -, se non ci sono carboidrati il metabolismo dei grassi si blocca. Dinamica dannosa per l’organismo perché si riduce la massa magra e si bruciano i muscoli.

conseguenze del low-carb solofinanza.it

Cosa succede davvero al tuo corpo se non assumi pane e pasta: conseguenze spiacevoli

I carboidrati sono energia subito disponibile che brucia i grassi e le proteine. Altre vie metaboliche sono più lunghe e affaticano l’organismo, per questo le nostre prestazioni calano. I carboidrati sono la fonte di energia primaria del corpo. Aiutano e spingono tutti i tipi di esercizio, sia di resistenza che di potenza: se tagliate i carboidrati la vostra energia diminuirà. Se non si assumono il risultato sarà questoalito cattivo, stanchezza, debolezza, vertigini, insonnia, nausea. In sostanza, ci si sente come se avessimo l’influenza.

I carboidrati raffinati sono anche famosi per innalzare i livelli di zucchero nel sangue. «Anziché rinunciare ai carboidrati però, basterebbe optare per quelli integrali – propone il professor Migliaccio – che hanno un assorbimento più lento ed evitano che i livelli di zucchero nel sangue siano soggetti a questi picchi».